Armoriale dei comuni per stato

“D’azzurro, al giglio di mare d’argento”


Île-d’Houat


Illasi

“D’azzurro alla bandiera quadrata d’argento”.


Ille-sur-Têt


Illorai

“Di verde a due sciabole d’argento guarnite d’oro passate in decusse, accompagnate in capo da una ruota di mulino dello stesso, al capo scaccato d’argento e di rosso di tre tiri”.


Illy


Imbersago

“Fasciato d’azzurro, d’argento, di rosso, la fascia centrale caricata di una lontra passante al naturale”


Imer

“Partito: nel primo di azzurro, alla banda d’argento, caricata della parola “LIBERTAS” in lettere romane maiuscole di nero; nel secondo di rosso, al grifo coronato d’oro, impugnante colla destra anteriore una spada d’argento posta in palo. Capo di Angiò. Ornamenti esteriori di Città”.


Imola

“Partito al primo di rosso alle 4 torri merlate alla guelfa 1-2-1 al Capo di Genova, per Porto Maurizio, al secondo d’argento all’albero d’ulivo al naturale e sradicato, al Capo di Savoia per Oneglia”.

D.C.G. 19 febbraio 1925.


Imperia

“D’argento, alla croce del calvario di rosso, posta sopra un monte all’italiana di tre cime 2-1, di verde, movente dalla punta; capo d’azzurro a tre pigne pendenti d’oro, ordinate in fascia”.


Impruneta