Armoriale dei comuni per stato

“Partito: nel primo, di rosso, all’albero sradicato, al naturale, sormontato dalle tre spighe di grano, impugnate d’oro; nel secondo, d’azzurro, alla torre medioevale di Grumiasco, al naturale, fondata sulla pianura d’oro e sormontata dallo scudetto di rosso alla banda d’oro, accompagnata da due gigli dello stesso; alla stella di sei raggi, d’oro, posta in capo sulla partizione. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 29 agosto 1986


Gremiasco

“D’oro a tre rose di rosso”.


Grenoble

“Partito semitroncato: il PRIMO, troncato di nero e di azzurro, al leone troncato d’oro e di argento, linguato, armato, immaschito di rosso, attraversante; Il SECONDO, d’oro, alle due croci latine, di nero, ordinate in fascia, ciascuna cimata dal gallo, dello stesso; il TERZO, d’argento, alla croce latina, di rosso, cimata dal gallo, dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. n. 477 del 7 aprile 1994


Gressan

“Semitroncato partito: del primo d’argento, alla marca gentilizia di rosso raffigurante un’ancora; nel secondo fasciato di rosso e di argento, la prima fascia d’argento caricata da una crocetta patente di rosso, accostata dà due stelle dello stesso; nel terzo del Ducato di Aosta che è di nero, al leone d’argento armato e linguato di rosso, abbassato sotto il capo di Savoia che è di rosso alla croce d’argento”.

D.P.G.R. n. 105 del 12 marzo 2001.


Gressoney-La-Trinité

“Partito, il primo di rosso a tre fasce d’argento, quella in capo caricata di una crocetta accostata da due stelle, il tutto del campo, che è di Vallaise; e di nero al leone d’argento armato e linguato di rosso, che è del Ducato d’Aosta; al capo sul tutto di rosso alla croce d’argento, che è di Savoia. Ornamenti esteriori: lo scudo è timbrato da una corona muraria merlata, munita di quattro torri (tre visibili) merlate di tre pezzi e aperte, il tutto d’oro; sostegni da Comune”.

D.P.G.R. 16 giugno 2003


Gressoney-Saint-Jean

“Spaccato, d’azzurro e d’oro; l’azzurro caricato da un agnello pasquale passante d’argento”.


Greve in Chianti

“Di azzurro, ai due leoni d’oro, allumati e linguati di rosso, affrontati, sostenenti la ruota dentata, d’oro, di quattro raggi, posti in croce, e di otto denti, il leone posto a destra sostenente con la zampa anteriore sinistra, il leone posto a sinistra sostenente con la zampa anteriore destra. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 9 ottobre 2007


Grezzago

“Inquartato dal filetto di rosso: nel PRIMO, di azzurro, al cane rivoltato, seduto, sostenuto dalla pianura di verde, e accompagnato nel cantone destro del capo dalla mezzaluna calante, di argento; nel SECONDO ; di azzurro, alla torre d’argento, murata di nero, fondata sul monte di verde, questo fondato sul filetto; nel TERZO, di azzurro, alla rosa di rosso, volta verso il fianco destro dello scudo, gambuta di verde, il gambo posto in banda alzata e fogliata di quattro, tre foglie a sinistra, una a destra, dello stesso; nel QUARTO di azzurro, alla pecora d’argento, rivoltata, saliente; sul tutto, lo scudo elittico, di argento, bordato del filetto di rosso, caricato dalla corona all’antica di cinque punte, posta in capo, d’oro, e da cinque melagrane di rosso, aperte all’ingiù, gambute e fogliate di due, di verde poste tre, due. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 11 giugno 1997


Grezzana


Griante


Gricignano di Aversa