Armoriale dei comuni per stato

“D’azzurro alla banda d’argento caricata da due stelle (6) d’oro, accompagnata sopra dalla figura equestre di S.Antonino, sotto una spica di frumento d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.

R.D. 19 luglio 1941


Gragnano Trebbiense

“Di rosso alla macchina per fabbricare chiodi di argento, in punta, sormontata da un grappolo di uva a destra e da una lampada da minatore a sinistra, il tutto di oro; al capo cucito di azzurro”.


Graissessac

“Di rosso, alle tre fasce d’argento, attraversate dall’aquila d’oro, coronata dello stesso, allumata e linguata di rosso. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante di rosso, il motto, in lettere maiuscole d’oro, OCHULA PRISTINUM NOMEN NOSTRUM. Ornamenti esteriori da Comune”


Grammichele

“Inquartato: nel primo, di azzurro, alla lettera maiuscola G, d’oro, nel secondo e nel terzo, d’argento, al capo di rosso; nel quarto di rosso, alla stella di otto raggi, d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 13 giugno 1989


Grana

“D’azzurro al covone d’oro legato di rosso. Esso stemma sarà cimato dalla corrispondente corona formata da un cerchio di muro d’oro aperto di quattro porte sormontato da otto merli dello stesso, uniti da muriccioli d’argento”.
R.D. 21 luglio 1884


Granarolo dell’Emilia


Grandate


Grandola ed Uniti

“D’azzurro all’arnia d’oro su un piano di rosso, circondata da api d’oro volanti [numerose]”.


Grand’Combe-Châteleu

“Interzato in palo: nel primo troncato d’azzurro con cinque gigli d’argento uno, due, due; nel II di verde a due bande d’oro, alla bordatura di argento, caricata di sette torri di rosso, due, due, due, una; nel secondo, interzato in fascia: nel I, partito, a) d’argento, alla torre di rosso, b) di rosso, al leone d’argento; nel II, di azzurro, ai tre gigli d’oro, due, uno; nel III, d’oro, ai sei gigli d’azzurro, due, uno, due, uno; nel terzo, d’argento, a sei palle di rosso, una, due, due, una. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. n. 908 del 4 gennaio 1988


Graniti


Granozzo con Monticello