Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“Di rosso, alla croce gigliata d’oro posta sul punto d’onore, accompagnata in punta dal monte all’italiana, di sette colli, posti quattro, due, uno, ristretto, di argento. Ornamenti esteriori da Città”.


Filottrano

“Campo di cielo, al castello al naturale torricellato di tre pezzi, il mediano piu’ elevato, aperto e finestrato di nero, nascente da uno specchio d’acqua al naturale caricato di un’oca di bianco nuotante”.

D.P.R. 10 giugno 1964


Finale Emilia

“Lo stemma della Città di Finale Ligure è composto da uno scudo a forma sannitica (francese o moderna) in oro a cinque bande di rosso, è sormontato da corona di città, ornato a destra con ramo d’ulivo fruttato, a sinistra con ramo di quercia con ghiande, i due rami sono decussati sotto la punta dello scudo, annodati da un nastro con i colori nazionali”.

“D’oro a cinque bande di rosso”

D.R. 7 luglio 1927


Finale Ligure

“D’oro, alla fascia ridotta d’argento, caricata dalla scritta, in lettere capitali di nero, INCIPIT VITA NOVA, accompagnata in capo dall’aquila coronata di nero, e in punto dall’olmo sradicato al naturale. ornamenti esteriori da Comune”

D.P.R. n. 94 del 22 ottobre 1984 – trascritto nei registri dell’Ufficio Araldico il 6 marzo 1985


Fino del Monte

“Di rosso, alla fascia palo, di verde, ed alla bordura dello stesso, entrambe le pezze accostate da filetti d’argento, col drago linguato, d’oro, nascente dalla partizione. Ornamenti esteriori di Comune”.

R.D. 10 agosto 1928


Fino Mornasco

“Troncato, alla nube d’argento sulla troncatura; nel 1° d’azzurro all’aquila al naturale col volo spiegato sovrastante la nube; nel secondo di verde al fiore d’argento, gambuto e fogliato al naturale. Ornamenti esteriori da Comune”.


Fiorano al Serio

“D’argento, al giglio di giardino, sradicato, di rosso, con quattro fiori sbocciati e tre in boccio, esso giglio accompagnato da quattro spighe di grano, d’oro, due a destra ,due a sinistra , piegate a ventaglio, e con gli steli uniti alla base e nodriti nel lembo inferiore dello scudo. Ornamenti esteriori da Comune”.


Fiorano Canavese

“D’argento, alla banda abbassata e diminuita, di rosso, caricata dalla scritta, in lettere maiuscole d’oro, poste in sbarra, FLOS FRUGI, essa banda sostenente i tre colli all’italiana di verde, uniti, il colle centrale più alto, ornati da due gambi di rosa, di verde, ognuno fogliato di due dello stesso e fiorito di tre di rosso, il gambo a destra posto in banda centrata e nodrito nell’avvallamento tra il primo e il secondo colle, quello a sinistra in sbarra centrata e nodrito nell’avvallamento tra il secondo e il terzo colle; il tutto accompagnato da simili tre colli, fondati in punta, muniti di simili gambi ugualmente fogliati e fioriti. Ornamenti esteriori da Comune”.


Fiorano Modenese

I tre fiori (araldicamente delle “rose” canine stilizzate) di smalto rosso si riferiscono al nome del Castello.

Stemma: “D’oro a tre rose di rosso, bottonate del primo”


Fiorentino

“Di rosso a tre rose d’argento, disposte 2, 1″.


Fiorenzuola d’Arda