Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“Partito semitroncato: il primo di rosso, al gufo alquanto volto verso destra, con la testa di fronte, d’oro, sostenuto dal ramoscello di verde, posto in fascia, munito all’ingiù di due foglie, dello stesso, esso gufo accompagnato in capo dalla stella di otto raggi di argento. Nel secondo, di verde, alla testa e collo del capro in profilo, d’oro; il terzo, di azzurro, alla ruota di molino, di due cerchi e di otto pale, d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.


Curiglia con Monteviasco


Curinga

“Troncato : nel PRIMO, di argento, alla croce di rosso; nel SECONDO, di argento ai due cuori di rosso, il cuore posto a destra in parte sovrapposto al cuore posto a sinistra, essi cuori posti in fascia. Ornamenti esteriori da Comune”.


Curino

“Interzato in fascia: nel primo azzurro, all’anfora d’oro, addestrata da un sesterzio d’argento, sinistrata da un ramo di corniolo, fruttato di tre, il tutto al naturale; nel secondo d’argento, a due torri di rosso, murate di nero, merlate alla guelfa; nel terzo di verde, alla ruota dentata di 12 d’argento”.


Curno

“Troncato d’argento e d’azzurro, alla cotissa di verde sulla linea di partizione, al campanile al naturale di pietra attraversante, finestrato di tre in fascia, cuspidato d’azzurro”.


Curon Venosta


Cursi

“D’azzurro alla spiga di frumento, posta in palo, col capo di rosso alla croce d’oro. Lo scudo sarà fregiato di ornamenti esteriori da Comune”.

R.D. 25 aprile 1929

L.L. P.P. 18 luglio 1930


Curtarolo


Curtatone


Curti

“D’azzurro, al castello di Cusago al naturale, aperto del campo”.

D.P.R. 29 gennaio 1982


Cusago