Armoriale dei comuni per stato

“Interzato in fascia: il primo d’azzurro carico di una testa di donna turrita, accompagnata ai lati da due spighe di grano, il tutto d’oro; il secondo d’oro pieno; il terzo di rosso al cavallo d’argento sciolto e corrente in sbarra, con al collo la catena spezzata d’oro”.

D.P.R. del 17 dicembre 1953


Castellana Sicula

D.P.R. 26 marzo 1975


Castellaneta


Castellania Coppi


Castellanza

“Troncato: nel primo d’oro all’aquila di nero, coronata, addestrata da un castello al naturale, in prospettiva, merlato alla ghibellina, e sinistrata da tre granate poste due sotto e una sopra, pure al naturale, il tutto uscente dalla troncatura; nel secondo, fasciato di azzurro e di oro. Ornamenti esteriori da Comune”.


Castellar Guidobono

“D’argento, allo scaglione di rosso, accompagnato da tre stelle dello stesso, due in capo ed una in punta”.

D.P.R. 17 giugno 1968


Castellarano

“Inquartato: nel PRIMO, di rosso, all’olivo sradicato, d’oro, con dodici frutti, d’argento; nel SECONDO, d’argento, alla croce di rosso; nel TERZO, d’azzurro, al castello in argento, merlato alla ghibellina, murato di nero, con due torri riunite a cortina di muro, poggiante su una pianura verde; nel QUARTO, d’oro, al tralcio di vite verde, posto in banda, con due grappoli d’uva, pampini e due foglie.”


Castellaro

D.P.C.M. n. 10916 del 4 dicembre 1932


Castellazzo Bormida

“D’azzurro al castello d’argento, merlato di tredici alla guelfa, munito di tre torri, merlate alla guelfa di tre, murate e finestrate di uno di nero, esso castello murato, chiuso e finestrato di due di nero, fondato sulla campagna d’argento, caricata di tre tizzoni di nero, infiammati di rosso, ordinati in banda. Ornamenti esteriori da Comune”.


Castellazzo Novarese


Castelleone