Armoriale dei comuni per stato

/ / Armoriale dei comuni per stato

“Palato di otto pezzi, d’oro e di rosso; al capo d’oro, caricato dell’aquila di nero,allumata di azzurro. Ornamenti esteriori da Comune”.


Carnago

“Di verde, al cane levriero rampante di argento, collarinato di rosso, legato ad una catena movente dall’angolo sinistro del capo. Ornamenti esteriori da Comune”.


Carnate

“D’azzurro al castello d’oro, chiuso e murato di nero, formato da due torri riunite dalla cortina di muro, le torri merlate di tre, la cortina di sei, alla guelfa, accompagnato in capo da quattro bisanti d’argento, ordinati in fascia, fondato sulla campagna d’argento, caricata dal tralcio di vite, posto in fascia, pampinoso di quattro, al naturale fruttato di quattro, di nero. Ornamenti esteriori da Comune”.


Carobbio degli Angeli


Carolei

“Troncato: il PRIMO, d’oro, alla banda ondata di azzurro; il SECONDO, di rosso, alla montagna d’argento, di due cime, la cima a sinistra meno alta e meno larga, essa montagna fondata in punta. Ornamenti esteriori da Comune”.


Carona

“D’oro a tre pignatte di nero, disposte 2,1”.


Caronia

“Semipartito-troncato: nel primo d’azzurro alla biscia viscontea, nel secondo d’argento alla croce di rosso, nel terzo d’azzurro alla biga romana d’argento, il tutto fasciato di rosso sulla partizione”.


Caronno Pertusella

“D’argento, sbarrato d’azzurro. Nel primo alla biscia di verde ingollante un fanciullo di carnagione, nel secondo al leone azzurro tenente sulla zampa un castello di rosso murato di nero”.
D.Luog. 22 settembre 1945.


Caronno Varesino

“D’azzurro, la fascia centrata d’oro, accompagnata in capo da un’aquila di nero, nascente dalla fascia, coronata d’oro, ed in punta di cinque spighe di grano del medesimo poste a ventaglio. Lo scudo sarà fregiato di ornamenti da Comune”.

D.R. 25 ottobre 1928


Carosino

“Un delfino cavalcato da un amorino che suona la cetra”.

D.P.R. 9 febbraio 1935


Carovigno