Isernia


Provincia

Isernia

Informazioni
  • numero comuni: 52
  • numero abitanti: 88694
  • densità provincia: 58.01
Storia della Provincia e dello Stemma

La provincia di Isernia confina con la provincia molisana di Campobasso; con le province abruzzesi dell’Aquila e di Chieti; con la provincia laziale di Frosinone e con la provincia campana di Caserta.

 

È stata istituita – per evitare che la Regione Molise (istituita con Legge costituzionale numero 3 del 1963 ma le cui prime elezioni, come per tutte le regioni a statuto ordinario, si svolsero solo il 7 giugno 1970) avesse una sola Provincia – il 3 marzo 1970, distaccando 52 Comuni dell’Alto Molise dalla Provincia di Campobasso. Ha adottato uno stemma costituito dall’unione delle armi araldiche dei quattro principali centri del territorio: Isernia, Agnone, Venafro e Frosolone; questo modo di creare un emblema provinciale è abbastanza diffuso e di facile attuazione ma criticato perché nel caso di variazioni territoriali dell’ente il segno non rispecchierebbe più la realtà portando a dover variare lo stesso.

 

La prima versione si blasonava: “Inquartato: nel primo, che è di Isernia, d’argento al serpente a forma di S verde avente in palo il bastone di comando d’oro; nel secondo, che è di Agnone, di rosso al grifone portante una lettera A d’oro; nel terzo, che è di Venafro, spaccato, nel primo d’argento e nel secondo di nero a tre fasce d’argento; nel quarto, che è di Frosolone, d’azzurro alla calotta sferica d’argento in punta caricata da una colomba e dalla lettera F, alla stella raggiante d’oro”.

 

Attualmente (2022) l’ente ha modificato il proprio segno in modo tale da rendere gli emblemi civici in esso contenuti più simili a quelli usati dai quattro comuni.

 

La nuova versione si blasona: “Inquartato: nel primo, che è di Isernia, d’azzurro, al serpente a forma di S avente in palo il bastone di comando, il tutto d’argento; nel secondo, che è di Agnone, di porpora [viola], al ippogrifo afferrante una lettera maiuscola A, all’antica, il tutto d’oro; nel terzo, che è di Venafro, di nero a tre fasce d’argento; nel quarto, che è di Frosolone, d’azzurro, alla campagna di verde caricata da una colomba addestrata  dalla lettera maiuscola F e alla stella di cinque raggi posta in capo, il tutto d’oro”.

 

Alcune delle figurazioni in uso rimango comunque  differenti dagli “originali” alle quali si riferiscono: Isernia alza, abitualmente uno scudo al monogramma IS d’oro, formato da un bastone di comando e da una serpe le cui spire si attorcigliano al bastone (che ricorda molto il bastone di Esculapio, simbolo della medicina, che fu effettivamente usato in passato quale emblema della città); il campo del quarto di Agnone è raffigurato in porpora anziché in rosso come previsto dal blasone ufficiale (di rosso, all’ippogrifo d’oro, rampante, rostrato e armato di nero, afferrante con gli artigli delle zampe anteriori la lettera maiuscola A, all’antica, d’oro. Ornamenti esteriori da Città. D.P.R. 21 giugno 1994).

 

 

 

Nota di Massimo Ghirardi e Giovanni Giovinazzo

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini




Profilo araldico


“Inquartato: nel primo, che è di Isernia, d’argento al serpente a forma di S verde avente in palo il bastone di comando dello stesso; nel secondo, che è di Agnone, di rosso al grifone portante una lettera A d’oro; nel terzo, che è di Venafro, di nero a tre fasce d’argento; nel quarto, che è di Frosolone, d’azzurro alla pianura di verde caricata da una colomba e dalla lettera F d’oro, alla stella raggiante dello stesso”

Colori dello scudo:
argento, azzurro, rosso
Partizioni:
inquartato
Oggetti dello stemma:
bastone di comando, calotta sferica, colomba, grifone, lettera, serpente, stella
Pezze onorevoli dello scudo:
fascia
Attributi araldici:
a forma di S, caricato, in palo, in punta, portante, raggiante, spaccato

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Pasquale Fiumanò

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini




Profilo Araldico


“Drappo troncato di bianco e di azzurro…”.

Colori del gonfalone: azzurro, bianco
Partizioni del gonfalone: troncato
Profilo Araldico

“Drappo partito di azzurro e di bianco allo stemma provinciale centrato…”

bandiera ridisegnata

Disegnato da: Bruno Fracasso

bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,