Zambrone


Comune di Zambrone – (VV)

Informazioni

  • Codice Catastale: M143
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 1829
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Semipartito troncato: nel primo, d’azzurro, all’olivo d’argento, fruttato di quindici, d’oro; nel secondo, d’argento, alla pianta di arachidi di verde, nodrita nella pianura dello stesso; nel terzo, d’oro, al veliero di nero, munito di tre alberi dello stesso e di sette vele d’argento, col vento in poppa, navigante sul mare d’azzurro. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
argento, azzurro, oro
Partizioni:
semipartito troncato
Oggetti dello stemma:
albero, mare, pianta di arachidi, pianura, ulivo, vela, veliero
Attributi araldici:
col vento in poppa, fruttato, munito, navigante, nordico

Gonfalone ridisegnato


Reperito da: Pasquale Fiumanò

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini



Profilo Araldico


“Drappo partito di bianco e d’azzurro riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo e i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto, dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento.”

Colori del gonfalone: azzurro, bianco
Partizioni del gonfalone: partito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) n. 4050 di concessione – 19/07/1986

      Registrato alla Corte dei Conti, addì 30 ottobre 1986, Reg. n. 1, presenza foglio n. 64.

      Trascritto nel Registro Araldico dell’Archivio centrale dello Stato, addì 12 gennaio 1987.

      Trascritto nei Registri dell’Ufficio Araldico addì 20 gennaio 1987. Reg. anno 1986. Pag. n. 61.