Verbicaro


Comune di Verbicaro – (CS)

Informazioni

  • Codice Catastale: L747
  • Codice Istat:
  • CAP: 87020
  • Numero abitanti: 3238
  • Nome abitanti: verbicaresi
  • Altitudine: 428
  • Superficie: 428
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 115.0

Storia dello stemma e del comune

Anche per Verbicaro non si hanno precisi ragguagli circa le sue origini. Fu ricordato nel Medioevo con il nome di Vervicarium; secondo il Padula, «Verbicaro è il Berbicarium dei mezzi tempi, derivato da Vervex o Bervex e che significa luogo di castroni. Fu la traduzione un po’ goffa del greco tragejon, caprino» (L. Accattatis, op. cit., pag. 807).
Fu annesso alla Contea di Lauria; successivamente appartenne ai Castelar (1495-1629) ed alla famiglia Cavalcanti (1629-1806) che vi ebbe il titolo di marchese. Nel 1656 venne spopolato da una spaventosa epidemia che fece circa 700 vittime tra i suoi abitanti.
Vi nacque Nicolò Carlomagno, avvocato ed insigne patriota, processato ed impiccato dai Borboni nel 1799.

La chiesa parrocchiale dell’Assunta custodisce paramenti in seta e oro, oltre ad altri oggetti sacri del XVI-XVIII secolo, tra cui una croce astile in argento del ’600.
Rinomata è la coltivazione dell’uva in vigneti specializzati che viene in parte essiccata ed in parte utilizzata per il vino Verbicaro, assai apprezzato in tutta la Calabria, che viene prodotto in due tipologie: rosso e bianco.
Il Verbicaro rosso è di colore rosso rubino più o meno carico, limpido e brillante; il sapore è gradevolmente asciutto, vellutato e leggermente aromatico; la gradazione minima è di 12,5°. È indicato in abbinamento a carni rosse, selvaggina, secondi piatti piccanti, salumi e il classico pecorino di Crotone; con un invecchiamento minimo di due anni si accompagna egregiamente agli arrosti.

Il Verbicaro bianco è di colore paglierino, limpido e brillante; il profumo è delicato, il sapore è secco, morbido ed aromatico; la gradazione minima è di 12°. È ottimo con antipasti di mare, pesci e crostacei.

Patrono:
Madonna delle Grazie (2 luglio)

Comuni confinanti:
Orsomarso, Saracena, Lungro, San Donato di Ninea, Grisolia, Santa Maria del Cedro.

Note di Luigi Prato

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“D’azzurro, ad un monte d’argento all’italiana di tre cime ordinate in fascia, fondato su campagna di verde; la cima centrale sostiene una lettera “V” d’argento. Il tutto, fondato su campagna di verde e accollato a due rami aghiformi, è sormontato da tre stelle d’oro (5), male ordinate. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 7 dicembre 1964 – Trascritto nel Registro Araldico dell’Archivio Centrale dello Stato il 3 aprile 1965.

Colori dello scudo:
azzurro

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo partito di bianco e di azzurro…”

Colori del gonfalone: azzurro, bianco
Partizioni del gonfalone: partito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,