Valmorea


Comune di Valmorea – (CO)

Informazioni

  • Codice Catastale: L640
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 2687
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

L’attuale comune di Valmorea è stato costituito con RD del 18 marzo 1928 con i territori dei comuni di Caversaccio (attuale sede municipale) e Casanova Lanza, prende il nome dalla valle attraversata dal torrente Lanza (già denominato Morea).

Lo stemma attualmente in uso è stato concesso con D.P.R. dell’11 maggio 2009, dove si blasona: “Troncato: il PRIMO, di azzurro, calzato ritondato, di verde, sull’azzurro la stella di cinque raggi, d’argento; il SECONDO, d’oro, alla fascia ondata, diminuita, di azzurro, fluttuosa di argento, accompagnata da tre ramoscelli di gelso di verde, ciascuno fogliato di tre, dello stesso, e fruttato di uno, di nero, due ordinati in fascia in capo, uno in punta. Ornamenti esteriori da Comune”.

Il progetto di questo stemma si basa sul significato del nome e sugli aspetti geografici del territorio. L’ipotesi secondo la quale l’etimologia di Valmorea provenga dall’abbinamento delle parole valle e morea è plausibile ed è la più credibile. Morea è la trascrizione di una parola equivalente al sostantivo collettivo moreto; nella versione dialettale starebbe a significare “luogo coltivato a gelsi, gelseto”. Lo scudo troncato, cioè diviso in parti eguali da una linea orizzontale, è quindi composto da due campi espressione visiva dei due nomi del toponimo, cioè valle e moreto. Le linee incurvate, delineando così una porzione dello scudo definito in araldica calzato ritondato, fanno riferimento proprio alla prima parte del nome, mentre la stella d’argento è simbolo di buon auspicio. Nel campo inferiore i tre ramoscelli di gelso, con il frutto della mora, alludono ovviamente alla seconda parte del toponimo. La fascia ondata, diminuita, di azzurro, a completamento dello scudo, è l’elemento dell’acqua e ricorda il torrente Lanza che scorre nella vallata sottostante la “Valle Moreta” (valle dei mori/gelsi) come era denominata fino al XIX secolo.

Contestualmente è stato concesso anche il gonfalone, che si descrive: “Drappo di bianco con la bordatura di azzurro”.

Questo stemma ha sostituito quello vecchio, con il quale era stato confezionato anche il vecchio gonfalone, che si blasona: “Interzato in fascia: nel PRIMO d’azzurro al torrione quadrato d’argento, visto di spigolo, murato di nero, fondato su terreno ristretto al naturale; nel SECONDO d’oro alle due cime al naturale, racchiudente un fiume d’azzurro posto in sbarra; nel TERZO di rosso alla stella d’oro”.

Nota di Massimo Ghirardi e Carletto Genovese

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997, p. 807.

Genovese C. STEMMI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI COMO. Como, 2007, pp.174-175.

Stemma Ridisegnato


Reperito da: Giovanni Giovinazzo

Fonte: Dipartimento di Araldica Pubblica

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini




Profilo araldico


“Troncato: il PRIMO, di azzurro, calzato ritondato, di verde, sull’azzurro la stella di cinque raggi, d’argento; il SECONDO, d’oro, alla fascia ondata, diminuita, di azzurro, fluttuosa di argento, accompagnata da tre ramoscelli di gelso di verde, ciascuno fogliato di tre, dello stesso, e fruttato di uno, di nero, due ordinati in fascia in capo, uno in punta. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
azzurro, oro
Partizioni:
troncato
Oggetti dello stemma:
raggio, ramoscello di gelso, stella
Pezze onorevoli dello scudo:
fascia ondata
Attributi araldici:
accompagnato, calzato, diminuito, fluttuoso, fogliato, fruttato, in capo, in punta, ondato, ordinato in fascia, ritondato

Gonfalone ridisegnato


Fonte: Dipartimento di Araldica Pubblica

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di bianco con la bordatura di azzurro…”

Colori del gonfalone: azzurro, bianco
Partizioni del gonfalone: bordato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 11/05/2009