Serramazzoni


Comune di Serramazzoni – (MO)

Informazioni

  • Codice Catastale: F357
  • Codice Istat:
  • CAP: 41028
  • Numero abitanti: 8300
  • Altitudine: 791
  • Superficie: 791
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 32.7

Storia dello stemma e del comune

Il capoluogo si è sviluppato intorno alle CASE MAZZONI, dopo che queste vennero raggiunte dalla Via Vandelli, che conduceva da Modena a Massa.

Nel 1860 Serra Mazzoni venne accorpato a Monfestino e assunse il nome di Comune di Monfestino in Serra Mazzoni, nel 1948 si ridusse nel solo Serramazzoni e Monfestino ne divenne frazione.

I nobili Mazzoni sono una stirpe originaria della valle e che ebbe estesi domini nel territorio modenese.

Lo stemma è antico, documentato già nel 1501, e rappresenta la rocca di Monfestino, ma è stato formalmente riconosciuto con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri solo nel 13 ottobre 1950. Blasone: “D’argento, al torrione quadrato di rosso, terminante con una garitta dello stesso, merlato alla guelfa, aperto, e poggiato sulla vetta di un monte, di verde, di tre cime all’italiana”.

Nota di Massimo Ghirardi, si ringraziano Alessandro Neri e Roberta Crippa per la gentile collaborazione.

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997.

AA.VV. STEMMI DEI COMUNI E DELLE PROVINCE DELL’EMILIA-ROMAGNA, a cura del Consiglio Regionale dell’Emilia Romagna. Editrice Compositori, Bologna 2003.

Anceschi A. GEOGRAFIA DEGLI STATI ESTENSI. I confini dell’Emilia e dell’alta Toscana e le strade del Ducato. Incontri Editrice, Sassuolo 2016.

Pellegrini (Maurizio)-Pozzi (Fabio Massimo), a cura di. LA VIA VANDELLI. Strada ducale del ‘700 da Modena a Massa. Dal Frignano alla Garfagnana a al Ducato di Massa. Artioli, Modena1989.

Romolotti (Giuseppe) a cura di. STORIA E GUIDA AI COMUNI EMILIANI. Il Quadrato, Milano 1972.

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Di argento, al torrione quadrato, di rosso, terminante con una garitta dello stesso colore, merlato alla guelfa, aperto e poggiato sulla vetta di un monte, di verde, di tre cime all’italiana”

Colori dello scudo:
argento

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di azzurro…”

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,