San Miniato


Città di San Miniato – (PI)

Informazioni

  • Codice Catastale: I046
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 28257
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Il leone, coronato e armato di spada è l’antica arme del Comune di San Miniato.

Probabilmente vuole ricordare il santo patrono che fu martirizzato facendolo sbranare dalle fiere nell’arena.

Anche i centri di Cigoli e Cevoli, oggi uniti a San Miniato, avevano il leone come emblema proprio.  

Note di Massimo Ghirardi

 

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997 (prima edizione 1990). Pagnini (Gian Piero) a cura di, GLI STEMMI DEI COMUNI TOSCANI AL 1860. Polistampa, Giunta Regionale Toscana, 1991

Stemma Ridisegnato


Reperito da: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini




Profilo araldico


“Di rosso, al leone d’argento, coronato con corona all’antica di cinque punte visibili, d’oro, impugnante con la zampa anteriore destra la daga d’argento, posta in sbarra. Sotto lo scudo, su lista bifida e svolazzante il motto, in lettere maiuscole di nero: SIC NOS IN SCEPTRA REPONIS. Ornamenti esteriori da Città”.

Colori dello scudo:
rosso
Oggetti dello stemma:
corona all'antica di cinque punte, daga, leone, punta, zampa
Attributi araldici:
anteriore, coronato, destro, impugnante, posto in sbarra, visibile

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Reperito da: Luigi Ferrara

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini



Profilo Araldico


“Drappo di rosso…”

Colori del gonfalone: rosso
Profilo Araldico

“Drappo di rosso caricato del leone d’argento armato di gladio e coronato di oro…”

bandiera ridisegnata

Disegnato da: Massimo Ghirardi

bandiera Ufficiale
no bandiera
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 17/07/2014

      Prima concessione: Granduca di Toscana del 1º ottobre 1750

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 20/10/2014