San Giuliano Milanese


Città di San Giuliano Milanese – (MI)

Informazioni

  • Codice Catastale: H930
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 36871
  • Nome abitanti: sangiulianesi
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 11.0

Storia dello stemma e del comune

Su un preesistente insediamento celtico presso il basso corso del fiume Lambro i Romani crearono un fondo lungo il percorso della Via per Milano (prolungamento dell’Emilia proveniente da Rimini).
In epoca cristiana venne fondata una Pieve dedicata a San Giuliano, intorno alla quale si sviluppò una borgata.
Nel 1175 i monaci dell’Ordine degli Umiliati fondarono nei pressi, in località VICUS BOLDONIS, un’abbazia dedicata ai santi Pietro e Paolo, l’attuale VIBOLDONE, che si svilupperà fino a dominare la vicina Pieve.
Gli Umiliati erano un Ordine religioso particolarmente dedito all’agricoltura e all’allevamento (come i cistercensi) e svilupparono la tecnica delle “marcite” (essenzialmente un’idrocoltura: grazie a risorgive d’acqua termale che garantiva diversi raccolti annui).
Nel 1571 l’Ordine venne sciolto per gravi immoralità (determinate essenzialmente, dal suo immenso patrimonio) e i beni distribuiti ad altri istituti (come l’Ospedale Maggiore di Milano) o nobili. Nel XVII sec. i Da Brivio vennero in possesso di un ampio territorio nei dintorni di San Giuliano, dove l’antica Rocca dei Milanesi venne trasformata in sfarzosa dimora di campagna. La famiglia ebbe importanti incarichi per i Duchi di Milano, fino ad ottenere l’onore di unire il loro cognome a quello dicale degli Sforza: da cui l’attuale Brivio-Sforza.
Il 12 settembre 1515 si combattè a Marignano, presso San Giuliano, la storica battaglia tra le armate di Francesco I di Francia e quelle mercenarie di Massimiliano Sforza, composte per la maggior parte di Svizzeri, per il possesso del Ducato di Milano. Ci furono più di 12.000 vittime e la battaglia passò alla storia (per una frase del Maresciallo Trivulzio) come la “Battaglia dei Giganti”, terminata con la vittoria francese.
Si racconta che, per lo smacco subito, da quel momento gli Svizzeri adottarono la posizione di neutralità bellica.
Lo stemma è stato formalmente concesso nel 1968 dal Presidente della Repubblica. Lo scudo è azzurro e suddiviso in due parti da una fascia diminuita d’argento. Nel campo superiore è raffigurato il campanile dell’abbazia di Viboldone (sede fino alla fine del 1800 del Municipio) e uno dei principali monumenti gotici della Lombardia.
Nel secondo sono raffigurate due spade incrociate d’argento, che ricordano la celebre battaglia di Marignano.
Il 24 aprile 2000 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha concesso a San Giuliano Milanese il titolo di “città” conseguentemente il Comune ha adottato la corona regolamentare di rango.
(descrzione di Massimo Ghirardi)

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Troncato: d’azzurro, alla fascia in divisa d’argento sulla partizione; nel 1° alla cuspide di un campanile al naturale uscente dalla fascia;
nel 2° a due spade d’argento, decussate, manicate d’oro, con le punte all’ingiù”.

D.P.R. 19 novembre 1968

Colori dello scudo:
azzurro
Partizioni:
troncato

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di azzurro…”

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 19/11/1968
    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 24/04/2000