San Floriano del Collio


Comune di San Floriano del Collio – (GO)

Informazioni

  • Codice Catastale: H845
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 811
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

“Già da tempi antichissimi il territorio dell’attuale comune di S. Floriano aveva una funzione produttiva legata alla vite e al vino, ormai reso famoso al livello mondiale con il marchio ‘Vino del Collio’ […] I sindaci locali o i capi famiglia sono riusciti con una buona organizzazione a mantenere alta l’onorabilità e la reputazione nei rapporti con le municipalità vicine e con le amministrazioni statali. In questo senso anche la loro vita culturale e spirituale assumeva un’importanza notevole che si concretizzava con la costruzione del’imponente chiesa dedicata al santo protettore: S. Floriano.” Sulla base di questa relazione araldica venne redatto il bozzetto per la richiesta di concessione di stemma e gonfalone. Nella sua proposta il Comune aveva inserito, oltre alla figura del santo e della chiesa, un “grappolo d’uva bianca, con 31 acini”, resa nel bozzetto in oro, nonché un gonfalone d’azzurro. L’Ufficio Onorificenze e Araldica della Presidenza del Consiglio dei Ministri obiettò circa le proporzioni delle figure, segnalando che, una volta ridotte di dimensioni come avviene per il sigillo comunale e per la raffigurazione dello stemma sulla carta intestata, l’immagine della chiesa sarebbe divenuta illeggibile. Il Comune aderì alla proposta ed ottenne lo stemma, con il grappolo blasonato però “di argento” [AC San Floriano del Collio]. Resta solo da chiedersi perché, a fronte di un previsto grappolo d’uva bianca, blasonato “d’oro” o “d’argento” che fosse, il bozzettista abbia disegnato un grappolo di uva nera.

Nota di Enrico Filaferro

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Tagliato: il PRIMO, di azzurro, al grappolo d’uva di argento, unito al tralcio al naturale, pampinoso di tre di verde; il SECONDO, d’oro, alla figura del milite effigiante San Floriano, con il viso, le braccia, le gambe di carnagione, con la corazza e l’elmo di argento, con il mantello di rosso, con gli stivali di cuoio al naturale, tenente con la mano sinistra l’asta di nero, posta in palo, cimata dalla bandiera a fiamma di rosso, sventolante a destra in fascia, il Santo posto a sinistra, in atto di versare acqua al naturale dal secchio di nero, posto in sbarra, tenuto dalla mano destra, l’acqua rivolta verso la chiesa d’argento, posta a destra, con loggia centrale di cinque luci, di nero, con due finestrelle tonde dello stesso, munita di quattro porte, di nero, unita a sinistra al campanile d’argento, coperto di rosso, finestrato con bifora, di nero, con finestrella tonda sotto la bifora, dello stesso, con cinque sottostanti fenditure, di nero, una, una, due, una, chiesa e Santo sostenuti dalla pianura di verde. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 13 luglio 2004

Colori dello scudo:
azzurro, oro
Partizioni:
tagliato

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di bianco con la bordatura di azzurro…”.

Colori del gonfalone: azzurro, bianco
Partizioni del gonfalone: bordato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,