Rudiano


Comune di Rudiano – (BS)

Informazioni

  • Codice Catastale: H630
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 5861
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Rudiano si trova sulla riva sinistra del fiume Oglio.

 

Il luogo è documentato come Rudiliano nel1095 ed è chiaramente derivato dal nome di un fondo agricolo (Rutilianus Fundus) di proprietà di un romano, tale Rutilio,di epoca tardo imperiale.

 

Lo stemma, è in uso da tempo e richiama l’antico castello, che faceva parte del sistema difensivo di Brescia sulla sponda dell’Oglio, comprendente anche Palazzolo, Pontoglio, Chiari, Roccafranca e Orzinuovi. Fino alla formale concessione del 1991 la ruota, cioè la “róda” (in connessione fonetica con il toponimo), era sostenuta da due lupi alati: in riferimento allo stemma dei nobili Lupatini, una famiglia feudale locale. La ruota è anche simbolica delle attività produttive e artigianali della zona.

 

Nel 1991 il decreto di concessione sancì la “mutazione” dei lupi in grifoni, secondo il blasone: “d’oro, alla torre d’argento, murata di nero, merlata di tre alla ghibellina, chiusa e finestrata di tre di nero, fondata sulla collina di verde, convessa, fondata in punta, sostenente due grifoni di azzurro, affrontati, afferranti: il grifone posto a destra con la zampa posteriore sinistra e con le due zampe anteriori, il grifone posto a sinistra, con la zampa posteriore destra e con le zampe anteriori, la ruota di otto raggi, di nero, attraversante la torre, il campo, la sommità della collina” (DPR del 22 luglio 1991).

 

 

 

 

Nota di Massimo Ghirardi

 

Bibliografia:

 

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997, p. 658.

 

Foppoli M. STEMMARIO BRESCIANO. Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia, Provincia di Brescia/Grafo, Brescia, 2011, p. 62-63

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“D’oro, alla torre d’argento, murata di nero, merlata di tre alla ghibellina, chiusa e finestrata di tre di nero, fondata sulla collina di verde, convessa, fondata in punta, sostenente due grifoni di azzurro, affrontati, afferranti: il grifone, posto a destra, con la zampa posteriore sinistra e con le due zampe anteriori, il grifone, posto a sinistra, con la zampa posteriore destra e con le zampe anteriori, la ruota di otto raggi, di nero, attraversante la torre, il campo, e la sommità della collina. Ornamenti esteriori da comune”.

Colori dello scudo:
oro
Oggetti dello stemma:
campo, collina, grifone, raggio, ruota, sommità, torre, zampa
Attributi araldici:
afferrante, affrontato, anteriore, attraversante, chiuso, convesso, destro, finestrato, fondato, fondato in punta, merlato alla ghibellina, murato, posteriore, posto a destra, posto a sinistra, sinistro, sostenente

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di azzurro…”

Colori del gonfalone: azzurro

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di riconoscimento – 22/07/1991