Romano d’Ezzelino


Comune di Romano d’Ezzelino – (VI)

Informazioni

  • Codice Catastale: H512
  • Codice Istat:
  • CAP: 36060
  • Numero abitanti: 14621
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 38.0
  • Distanza capoluogo: 38.0

Storia dello stemma e del comune

Il nome deriva dal latino “Romanus” o “Romanius” e può indicare tanto terra, possesso di Romano (“fundus Romanus”), quanto un territorio abitato da genti romane e circondato o vicino ad altri abitati da genti di stirpe diversa (franchi, longobardi, svevi … ).
Nel suo territorio fu rinvenuto materiale archeologico di epoca romana. Romano è citata per la prima volta nel 1076. L’imperatore Corrado II la diede in feudo, assieme a Onara, a Ezzelino I che prese il nome dal paese. Ebbe grande importanza nei secoli XII e XIII proprio a causa dei suoi signori. Nel 1260, con la morte di Alberico da Romano, passò a Padova. Seguì poi le vicende di Bassano.

Notevoli: Castello degli Ezzelini. Oggi ne rimane una torre. Fu edificato dal tedesco Ezilone d’Arpone e citato da Dante Alighieri (“Paradiso” IX, 25-30). Da qui la famiglia estese il suo dominio su Treviso, Padova, Vicenza, Verona e Trento. Il più famoso dei Da Romano fu Ezzelino III, detto il Tiranno, che morì nel 1259; sua sorella Cunizza fu amata dal trovatore Sordello da Goito e posta da Dante nel “Paradiso” (IX, 13-66). Ca’ Cornaro. È un complesso costituito da villa, porticato e cappella. Villa Stecchini. Risale al 1672.

Lo sviluppo economico tuttora in corso di questo centro industriale è dovuto in gran parte alla sua appartenenza ad una area industrializzata della quale Bassano è il fulcro. Le numerose aziende industriali ed artigiane operano maggiormente nei settori meccanico, chimico, calzaturiero, del legno, delle confezioni tessili, edilizio. Le risorse agricole si basano principalmente sull’orticoltura, sulla cerealicoltura e sui foraggi.

Il comune di Romano d’Ezzelino fa parte della Comunità Montana del Brenta.

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini






Profilo araldico


“Inquartato: nel 1º d’argento a quattro fasce di verde, con la bordatura d’oro; nel 2º d’azzurro alla corona di otto fioroni d’oro (5 visibili) dalla quale escono le ali, il collo, la testa di un cigno d’argento, tenente con becco di rosso un ferro di cavallo pure d’argento; nel 3º d’azzurro all’elmo all’antica con svolazzi e pennacchio d’argento; nel 4º d’argento a sette gigli d’oro con la bordatura d’oro”.

D.C.G. 5 febbraio 1937

Colori dello scudo:
argento, oro, verde
Partizioni:
partito
Profilo Araldico

“Drappo partito di giallo e di verde…”

Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,