Città di Ragusa (RG)

Informazioni

  • Codice Catastale: H163
  • Codice Istat:
  • CAP: 97100
  • Numero abitanti: 73743
  • Nome abitanti: ragusani
  • Altitudine: 502
  • Superficie: 502
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Ragusa lbla è sorta sulle fondamenta dell’antica Hybla Heraea che fu a fondata dai Siculi, dei quali restano molte testimonianze, come i loculi funerari a sezione rettangolare ben visibili nella valle del Gonfalone, lungo la strada che conduce a Modica.

Alcuni secoli piú tardi subì l’invasione dei Greci, di cui assimilò profondamente usi e costumi. Del periodo greco non rimangono centri abitati, ma solo necropoli, tombe scavate nella terra e nel calcare e coperte da lastroni di pietra, delle quali esistono varie testimonianze. La più importante è quella di Monte Rito, oltre a quelle scoperte in contrada Cortolillo, Balatelle, Cava Pece, Cucinello e Tabuna.

Hybla H. conservò la propria indipendenza fino a metà del III secolo a.C. quando, all’arrivo dei Romani, tutta la Sicilia perse l’indipendenza, divenendo una “provincia Romana”.
Note tratte dal sito del Consorzio Promozione Area Iblea sul quale è possibile reperire ulteriori notizie.

Profilo Araldico

D’azzurro, all’aquila dal volo spiegato, coronata all’antica d’argento, sostenente con l’artiglio destro un fascio littorio posto in banda, con frecce sporgenti, e col sinistro un corno di abbondanza, posto in sbarra, il tutto al naturale: Motto: « CREVIT RAGUSIA * HIBLAE RUINIS »,

 

Stemma ridisegnato

Reperito da: Pasquale Fiumanò

Fonte: Anna Bertola

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
Altre Immagini




Colori dello scudo: azzurro
Profilo Araldico

“Drappo di verde…”

Gonfalone ridisegnato da Pasquale Fiumanò

Gonfalone ridisegnato

Disegnato da: Pasquale Fiumanò

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini



Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Regio Decreto (RD) di concessione – 10/08/1928























Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su