Ponzano Veneto


Comune di Ponzano Veneto – (TV)

Informazioni

  • Codice Catastale: G875
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 12321
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Ponzano è un comune sparso creato nel 1807 riunendo i tre territori di Ponzano, Paderno (deve è stata posta la sede del Municipio) e Merlengo. Nel 1868 ha assunto il determinante toponomastico Veneto.

 

I toponimi di Pontianus e Paternus, traggono origine dal nome dei primi coloni romani che ottennero alcune terre da coltivare. Merlengo invece deriva da Marling, di derivazione germanica.

 

La zona è abitata fin da epoca remota e probabilmente, in epoca romana, vi era un centro di sosta lungo la Via Postumia, l’importante strada consolare che connetteva Genova con Aquileia e la Pianura Padana con l’oltralpe danubiano.

 

Fu possesso della famiglia degli Ezzelini dall’XI al XIII secolo.

 

Durante il Medioevo i tre villaggi diventarono Regole del Quartier d’Oltrecagnon (dal nome del Rivo Cagnon), secondo la suddivisione amministrativa del territorio medioevale di Treviso. Ecclesiasticamente erano tre cappelle dipendenti dalla pieve di Postioma.

 

La vocazione del comune è prevalentemente industriale; da segnalare che proprio qui si trova la sede, il quartier generale della Benetton, colosso dell’abbigliamento.

In seguito, sotto la dominazione veneziana, con la denominazione di Ville fecero parte del quartiere di Campagna Inferiore.

 

Lo stemma del Comune è stato concesso con DPR del 19 aprile 1956, dove è blasonato: “Di verde alla spiga d’oro, accompagnata nel canton destro del capo da una stella (6) dello stesso. Ornamenti esteriori di Comune”.

 

Con lo stesso atto è stato concesso il gonfalone, descritto come un: “Drappo di giallo palato di verde riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopradescritto, con l’iscrizione centrale in argento: “Comune di Ponzano Veneto”.

 

Da notare che, con delibera nr. 1 della seduta consiliare del 10 febbraio 1952 fu approvato uno stemma leggermente diverso, proposto dall’Ufficio Araldico “Guelfi-Camajani” di Genova, così descritto: “Scudo a fondo azzurro contenente tre spighe di grano nascenti su campo verde e con una stella al lato superiore sinistro. Lo scudo è sormontato in alto da una corona murale dei Comuni rurali e in basso è circondato da due rami, uno di alloro a sinistra e l’altro di quercia a destra. Alla base un nastro con il nome del Comune di Ponzano Veneto armonizza il complesso dello stemma”.

 

Un’altra particolarità di questo stemma è dovuta al fatto che il bozzettista, per dare l’dea della seta, ha dipinto il fondo dello scudo con effetti variegati verde tono-su-tono, questo ha generato delle fantasiose versioni con un curioso zig-zag nel campo, evidentemente scorrette dal punto di vista tecnico.

Le spighe di grano simboleggiano l’insieme delle colture che si sviluppano nella terra di Ponzano, mentre nella stella d’oro si ricordano le frazioni dipendenti: è abbastanza tipico, nell’araldica civica italiana, che le stelle simboleggino altri territori uniti amministrativamente ad uno principale.

 

 

Nota di Giancarlo Scarpitta, Bruno Fracasso e Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Reperito da: Anna Bertola

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Fonte: Giancarlo Scarpitta

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo araldico


“Di verde alla spiga d’oro, accompagnata nel canton destro del capo da una stella (6) dello stesso. Ornamenti esteriori di Comune”.

Colori dello scudo:
verde
Oggetti dello stemma:
spiga, stella
Attributi araldici:
accompagnato nel cantone destro del capo

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Reperito da: Luigi Ferrara

Fonte: Giancarlo Scarpitta

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di giallo palato di verde riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopradescritto, con l’iscrizione centrale in argento: “Comune di Ponzano Veneto”.

Colori del gonfalone: giallo, verde
Partizioni del gonfalone: palato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 19/04/1956

      Registrato alla corte dei Conti il 3 settembre 1956, foglio 60, registro 10, trascritto nel registro araldico dell’Archivio Centrale dello Stato il 6 ottobre 1956.