Palomonte


Comune di Palomonte – (SA)

Informazioni

  • Codice Catastale: G292
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 4151
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Stemma Ridisegnato


Fonte: Giovanni Giovinazzo

Reperito da: Luigi Ferrara

Disegnato da: Giovanni Giovinazzo

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“D’argento, al mare di azzurro, fluttuoso di argento, sostenente i tre colli all’italiana, di verde, uno accanto all’altro, il colle centrale più largo e più alto, ognuno sostenente la crocetta latina di nero, con le estremità laterali e superiori allargate a triangolo; il tutto sormontato dalla scritta, in lettere maiuscole di azzurro, PALO. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
argento
Oggetti dello stemma:
colle all'italiana, crocetta latina, estremità, lettera, mare, scritta, triangolo
Attributi araldici:
allargato, centrale, fruttuoso, laterale, maiuscolo, più alto, più largo, sormontato, sostenente, superiore, uno accanto all'altro

Gonfalone ridisegnato


Fonte: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di azzurro riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto azzurro con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati colori nazionali frangiati d’argento”.

Colori del gonfalone: azzurro

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 13/03/1989

      Ministero del Tesoro-Ragioneria Centrale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, visto e registrato al n. 200, Roma 5 aprile 89

      Registrato alla Corte dei Conti addì 21 aprile 1989