Massa e Cozzile


Comune di Massa e Cozzile – (PT)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: F025
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 7872
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Il centro fu legato a Lucca fin dall’epoca del ducato longobardo, passando poi sotto il controllo della mensa vescovile lucchese che ne delegò il controllo alla stirpe feudale dei Da Buggiano insediata nel vicino centro castellano con quel nome. Il frazionamento del patrimonio fra gli eredi attenuò il già limitato potere della famiglia favorendo una precoce nascita del libero comune rurale che, fra il 1208 e il 1232, si trovò a operare, senza controversie, sotto l’influenza, poi sotto il dominio diretto del comune cittadino di Lucca. A seguito delle convulse vicende che portarono, alla morte di Castruccio Castracani, alla formazione della Lega di Valdinievole, nel 1340 Massa passò sotto il controllo di Firenze che provvide ad inviarvi un proprio podestà, almeno fino all’inizio del secolo successivo, quando il centro venne incluso nella podesteria di Buggiano compresa anch’essa nel vicariato di Pescia.

 

Anche Massa e Cozzile assume il segno “parlante” della mazza come identificativo nello stemma comunale: si tratta di un’assonanza, un falso etimo, uno stratagemma grafico che ricorre negli stemmi di centri con toponimi simili (Massa (MS), Massarosa (LU) e Massa Marittima (GR) nella sua versione più antica). Come spesso accade, anche in questo caso è il sigillo del comune a costituirne la prima attestazione. Esso risale all’epoca successiva della consegna del centro a Firenze, essendo la Lucca del Castracani di fede ghibellina: in questa versione la figura “parlante” è posta nel campo seminato dei gigli angioini, figure legate all’espressione grafica dei guelfi. Le versioni posteriori, come per esempio, nel palazzo del podestà di Massa, nella chiesa di San Jacopo a Cozzile o in vari documenti d’archivio, i simboli del potere fiorentino, il giglio e la croce della magistratura del Popolo, accompagnano la mazza, con trascurabili variazioni nella posizione reciproca e nei colori, fino ai giorni nostri.

Nota di Vieri Favini

Bibliografia:

  1. Amati, Dizionario corografico d’Italia, Milano 1870-1879, appendice, tavola XII
  2. Borgia, Introduzione allo studio dell’araldica civica italiana con particolare riferimento alla Toscana in “Gli Stemmi dei Comuni toscani al 1860”, Firenze 1993, p. 107
  3. Borgia, Brevi note di araldica e di sigillografia dei comuni della Provincia di Lucca, in Actum Luce n.1-2 Aprile-Ottobre 1989, p. 41
  4. Casazza, I beni artistici del comune di Massa e Cozzile, Massa e Cozzile 2002, pp. 67-68

Firenze, accademia della Colombaria

Firenze, archivio Melli-Lori

Firenze, archivio di Stato

Firenze, biblioteca Moreniana

Firenze, biblioteca Nazionale

“Fra arte e storia” i 22 stemmi dei comuni della Provincia di Pistoia. 18 marzo – 9 aprile 2006, Catalogo della personale di N. Di Marco a c. di C.Beneforti, p. 15

Massa e Cozzile, archivio comunale

  1. Muzzi, B. Tommasello, A. Tori, Sigilli del museo Nazionale del Bargello, vol. III, Firenze 1990, p. 212
  2. Onori, M. Francini, G. Boccaccini, Massa e Cozzile. Storia di una comunità, copertina

Pescia, biblioteca comunale

  1. P. Pagnini Stemmi e gonfaloni della Toscana, in Regione Toscana, La Toscana e i suoi comuni. Storia, territorio, gonfaloni e popolazione delle libere Comunità toscane, Firenze 1985,p. 423

L. Passerini, Le armi dei Municipj toscani, Firenze 1859, p. 156.

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Michele Turchi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“D’argento alla mazza ferrata, accompagnata a destra dalla croce scorciata ed a sinistra da un giglio, il tutto di rosso”

D.P.R. 11 giugno 1997

Colori dello scudo:
argento
Oggetti dello stemma:
croce scorciata, giglio, mazza
Attributi araldici:
accompagnato

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di rosso…”

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,