Lerici


Città di Lerici – (SP)

Informazioni

  • Codice Catastale: E542
  • Codice Istat:
  • CAP: 19032
  • Numero abitanti: 10284
  • Nome abitanti: lericini o lericesi
  • Altitudine: 10
  • Superficie: 10
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 3.4

Storia dello stemma e del comune

Poiché la storia di Lerici si perde nella notte dei tempi, non sappiamo con precisione l’anno della sua fondazione, ma lo studio del suo antico nome “portus Illycis” che potrebbe derivare dal greco “Iliakos” (iliaco, troiano), ci induce a favoleggiare che la sua fondazione derivi da un gruppo di esuli della guerra di Troia. E non potrebbe essere altrimenti perchè il territorio presenta numerose analogie con le coste greche e una bellezza dei luoghi degna di Venere, a cui è dedicata una delle sue baie, chiamata Venere Azzurra.

Lerici fu porto di approdo dei traffici greci e fenici, e la sua storia non ebbe mai momenti bui, semmai periodi ancora avvolti in un affascinante mistero. Lo stesso mistero che avvolge le origini del popolo etrusco a cui Lerici fu particolarmente legata per la sua vicinanza a Luni. Sappiamo che nel VII sec. a.C. il Golfo fu occupato dagli Etruschi che spaziarono da Pisa a Capo Mesco fondando la città di Luni a cui Lerici per molti secoli legherà la sua storia.
Tratto dal sito ufficiale della città di Lerici in cui è possibile ritrovare altre notizie.
Testo di Isa Castellini

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo araldico


“D’azzurro all’albero di leccio al naturale terrazzato sopra un monte di verde, con il capo abbassato di Genova, d’argento alla croce di rosso”.

D.R. del 9 settembre 1939.

Colori dello scudo:
argento, azzurro, rosso
Partizioni:
capo

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di bianco…”

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Capo del Governo (DCG) di riconoscimento – 09/09/1939
    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 23/01/1986
    • Regio Decreto (RD) di concessione – 10/06/1940