Lauriano


Comune di Lauriano – (TO)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: E484
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 1546
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Questa zona, in epoca romana, coincideva con la città di INDUSTRIA (elencata fra le “nobilia oppida” da Plinio Il Vecchio nella sua Naturalis Historia).

L’attuale LAURIANO deriva dell’antica LAVRIANO e compare, con la denominazione “Lavriana” in un editto dell’imperatore Ottone III del 7 maggio 999, dove viene confermato al vescovo Leone di Vercelli il possesso di un vasto territorio nella zona, che era stato tolto con la violenza al suo predecessore Pietro I (imprigionato e bruciato dentro alla cattedrale dove si era rifugiato) da Arduino d’Ivrea.

Per reazione il Papa Gregorio V scomunicò Arduino, e l’imperatore Ottone confiscò tutte le proprietà di lui e dei suoi fratelli, dandole – con il citato editto – al nuovo Vescovo Leone.

Tali concessioni sono confermate in un diploma del 1014 dell’imperatore Arrigo, nel quale compare il nome di “Levranum”, all’epoca feudo di Manfredi di Brosolo, vassalli del Marchese di Monferrato.

Sulla zona di Lauriano però il Vescovo di Vercelli mantenne diritti feudali fino al 1355, quindi passò a diverse famiglie nobili, tra le quali i Provana.

Il 3 giugno 1648 venne elevato a Contea. Il 26 aprile 1777 il tenente Giovan Battista Morra diventa feudatario di Lauriano col titolo di Conte.

L’attuale circoscrizione amministrativa di Lauriano comprende anche il territorio del soppresso Comune di PIAZZO, che aveva un suo stemma proprio con motto: HIC NOBIS PLACET (“Qui a noi piace”).

Nota di Massimo Ghirardi
Si ringrazia il sig. S. Dalmazzo per la gentile collaborazione

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Scudo troncato semipartito: nel 1°, di rosso, al serto di alloro di verde; nel 2°, bandato di rosso e di azzurro, le bande alternate e bordate da 5 filetti di argento; nel 3°, di verde, al capitello ionico, di argento. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 3 marzo 1998

Colori dello scudo:
argento, azzurro, rosso, verde
Partizioni:
troncato semipartito

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo rettangolare partito di bianco e azzurro ornato di ricami d’argento con al centro stemma comunale, con l’iscrizione in argento “Comune di Lauriano””

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,