Incisa Scapaccino


Comune di Incisa Scapaccino – (AT)

Informazioni

  • Codice Catastale: E295
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 2290
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Il comune, e precisamente Borgo Villa, già abitato in epoca romana, fu importante centro fortificato in età medievale. Feudo degli Aleramici di Sezzadio, nel sec. XII fu ereditata dagli Aleramici di Savona, divenuti nel 1161 marchesi d’Incisa, che la elessero capoluogo di un vasto marchesato; a questi la tolse con le armi Guglielmo, marchese del Monferrato; nel 1546 i Gonzaga acquistarono il feudo e ne investirono ancora gli Incisa. Il comune si chiamò Incisa Belbo fino al 1928, allorchè prese la denominazione attuale a ricordo di Giovanni Battista Scapaccino, prima medaglia d’oro dell’esercito italiano (1802.1834). Note dal sito www.incisascapaccino.asti.it

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Di azzurro, alle sette stelle di sei raggi, d’oro, poste tre, una, tre, le prime tre stelle poste all’altezza del cuore, sormontate dall’elmo di acciaio abbrunito al naturale, con la visiera a mantice chiusa, collocato in pieno profilo a destra, ornato da quattro piume, due a destra, due a sinistra, di rosso”

Colori dello scudo:
azzurro

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di giallo riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà coperta di velluto giallo con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri ricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento”.

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,