Gremiasco


Comune di Gremiasco – (AL)

Informazioni

  • Codice Catastale: E164
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 362
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Il Gonfalone Comunale riporta parte dello Stemma Gentilizio della famiglia dei Colombassi, che presero il nome dall’agglomerato avuto in feudo agli inizi del XII secolo: vi era uno scudo di fondo rosso, attraversato obliquamente da una banda nera accostata a due gigli bianchi.

E’ possibile, poi, notare l’albero e le spighe, che simboleggiano le attivita’ della valle. A fianco, la torre intorno alla quale il paese sorse e progredi’. La stella che sovrasta il tutto rappresenta la luce religiosa che ne fu la guida.

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“Partito: nel primo, di rosso, all’albero sradicato, al naturale, sormontato dalle tre spighe di grano, impugnate d’oro; nel secondo, d’azzurro, alla torre medioevale di Grumiasco, al naturale, fondata sulla pianura d’oro e sormontata dallo scudetto di rosso alla banda d’oro, accompagnata da due gigli dello stesso; alla stella di sei raggi, d’oro, posta in capo sulla partizione. Ornamenti esteriori da Comune”.

D.P.R. 29 agosto 1986

Colori dello scudo:
azzurro, rosso
Partizioni:
partito
Oggetti dello stemma:
albero, giglio, raggio, scudetto, spiga di grano, stella, torre
Pezze onorevoli dello scudo:
banda, pianura
Attributi araldici:
accompagnato, fondato, impugnato, medioevale, posto in capo, sormontato, sradicato, sulla partizione

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo partito di azzurro e di rosso…”

Colori del gonfalone: azzurro, rosso
Partizioni del gonfalone: partito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 29/08/1986