Fabrica di Roma


Comune di Fabrica di Roma – (VT)

Informazioni

  • Codice Catastale: D452
  • Codice Istat:
  • CAP: 1034
  • Numero abitanti: 8537
  • Nome abitanti: fabrichesi
  • Altitudine: 296
  • Superficie: 296
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 25.0

Storia dello stemma e del comune

Stemma Ridisegnato


Fonte: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“Di azzurro, al braccio umano destro, movente dal lembo sinistro dello scudo, il braccio vestito di rosso e rimboccato di argento, la mano e
parte dell’avambraccio di carnagione, la mano reggente il favo d’oro, unito a quattro api, dello stesso, accompagnato da altre due api d’oro volanti all’altezza del punto d’onore. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
azzurro
Oggetti dello stemma:
ape, avambraccio, braccio umano, favo, mano, scudo
Pezze onorevoli dello scudo:
punto d'onore
Attributi araldici:
accompagnato, all'altezza del punto d'onore, destro, movente dal lembo sinistro, reggente, rimboccato, unito, vestito, volante

Gonfalone ridisegnato


Fonte: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di giallo con la bordatura di rosso, riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di 
velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento”.

Colori del gonfalone: giallo, rosso
Partizioni del gonfalone: bordato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 22/05/2002 Guarda il decreto
    • Decreto del Capo del Governo (DCG) di riconoscimento – 17/10/1935
    • Regio Decreto (RD) di concessione – 21/06/1942