Exilles


Comune di Exilles – (TO)

Informazioni

  • Codice Catastale: D433
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 270
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Exilles è l’erede dell’antica stazione romana di EXCINGOMAGUS, sorta su un campo di difesa dei Galli Caturigi (“magos” significa: campo, mentre Exingus o Aesius sono antroponimi, per cui il significato sarebbe “campo di Esio” o “Exingo”), ed è legata alla rocca e al possente forte che domina a tutt’oggi il capoluogo e l’alta valle di Susa, risorto tra il 1818 e il 1824 su disegno di Giovanni Antonio Rana e Francesco Olivero, sul precedente castello dei signori del Delfinato del XII secolo.

Lo stemma richiama il ruolo di Exilles come fortezza e come porta della valle per chi proviene dalla Francia, i colori e la figurazione sono assai simili a quelli di Susa, capoluogo storico della valle.

Nota di Massimo Ghirardi

Si ringrazia Paolo Crivellaro per la gentile collaborazione

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997 (prima edizione 1990).
Cacciotto A. STEMMI DEI COMUNI DELLA VALLE SUSA, Point Couleur/Susalibri, Susa 1973

Stemma Ridisegnato


Fonte: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo araldico


“Partito d’argento e di rosso, al castello merlato alla guelfa, turrito e finestrato, rosso nel campo d’argento e d’argento nel campo rosso”.

Colori dello scudo:
rosso, verde
Partizioni:
partito

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo pertito di rosso e di verde e caricato dello stemma con l’iscrizione centrata in alto: “Comune di Exilles””

Colori del gonfalone: rosso, verde
Partizioni del gonfalone: partito

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,