Dello


Comune di Dello – (BS)

Informazioni

  • Codice Catastale: D270
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 5575
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

La zona di DELLO era abitata sicuramente in epoca romana (il nome deriva da FUNDUS DELLANUS: “fondo di Edo” o “Ado”, un oscuro possidente di origine germanica) e, in epoca tardoimperiale, diviene sede di pieve (dapprima dedicata all’Assunta, alla quale viene associato poi san Macario).
Nel 1278 secolo è documentato come ELLO, che nel XV diventa ELLUM.

Il centro principale è, ancora oggi, QUINZANELLO, che era un borgo fortificato (col nome di QUINZANO) che (si pensa) abbia preso nome dalla stirpe dei Quinzi, famiglia “…antichissima che si stabilì nel Bresciano, e precisamente in queste regioni”, la quale aveva un leone come insegna.
Anche la famiglia Dello (Lombardi di Dello, iscritta alla nobiltà di Brescia almeno dal XIII secolo), che prende nome dalla località, aveva un leone nero in campo argento come emblema, è probabile che sia quest’ultimo ad aver ispirato lo stemma civico, realizzato da uno “studio araldico” negli anni ’50 del XX secolo (lo stemma, non riconosciuto formalmente dallo Stato, è stato liberamente assunto dal Comune il 31 marzo 1957) al quale è stato aggiunto il toponimo del “fondo” romano che è all’origine del paese di Dello e il “Capo d’Angiò” ad indicare l’appartenenza al partito guelfo che, nella motivazione, vorrebbe significare che “… le popolazioni di queste terre erano partigiani militanti del partito Guelfo” o filo-papale.

Nota di Massimo Ghirardi e Giovanni Giovinazzo

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997.

Foppoli M., STEMMARIO BRESCIANO. Gli stemmi delle città e dei comuni della provincia di Brescia. Provincia di Brescia/Grafo, Brescia 2011.

Bocelli S. (a cura di). LA VITE E IL VINO NELL’ARALDICA CIVICA ITALIANA. Giampiero Pagnini Editore, Firenze 1995.

Lottieri (C.), I COMUNI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA. Ed. del Drago, 1992.

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo araldico


“D’argento, al leone al naturale, al capo d’azzurro carico di tre gigli d’oro posti tra i quattro pendenti di un lambello di rosso, sostenuto dalla fascia ristretta dello stesso carica della scritta DELIANUS FUNDUS in caratteri maiuscoli d’oro”

Colori dello scudo:
argento, rosso
Partizioni:
capo

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di azzurro…”

Gonfalone ridisegnato da Pasquale Fiumanò

Colori del gonfalone: azzurro

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,