Credera Rubbiano


Comune di Credera Rubbiano – (CR)

Informazioni

  • Codice Catastale: D141
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 1654
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Lo stemma del Comune di Credera-Rubbiano è stato concesso con DPR dell’8 giugno 1956. La sua circoscrizione riunisce i territori dei due comuni autonomi di Credera (dove si trova il municipio) e Rubbiano, uniti nel 1928, come accadde anche per le due parrocchie.

Lo stemma si blasona: “d’azzurro alla croce latina scorciata d’oro. Ornamenti esteriori da Comune1 richiama il modello “standard” dei sigilli del Regno d’Italia e, probabilmente, l’antica appartenenza del territorio al territorio dell’abbazia di Santa Maria del Cerreto (oggi Abbadia Cerreto) nata benedettina nel 1084 e poi passata per volere di papa Innocenzo II ai cistercensi nel 1139.

Il comune ha anche un gonfalone: un drappo di colore giallo, bordato ondato d’azzurro, ornato di ricami d’argento e caricato dallo stemma anzidetto.

 

 

CREDERA

È documentata dall’inizio dell’anno Mille e poi come parte del vasto dominio agricolo dell’abbazia del Cerreto, che si spartiva quest’area cremasca con gli Agostiniani di Credera, questi ultimi lasceranno poi nel XVIII secolo i loro beni all’ospedale maggiore di Crema. Il comune fece parte, a partire dal XV secolo, della repubblica di Venezia e con essa rimase fino alla fine del XVIII secolo.

In età napoleonica il borgo di credere venne aggregato al Comune di Moscazzano dal 1807, recuperò l’indipendenza con l’istituzione del Regno Lombardo-Veneto nel 1816.

Dopo l’Unità d’Italia nel 1868 assorbì il territorio di Rovereto.

 

 

RUBBIANO

La località apparteneva anch’essa all’abbazia cistercense del Cerreto e passò agli Agostiniani del convento di Credera. Ecclesiasticamente riuscì ad essere indipendente da Credera quando, nel 1684, venne costruita una propria parrocchiale.

Nel 1807 venne aggregato al Comune di Casaletto Ceredano, tornò indipendente con il Regno Lombardo-Veneto nel 1816 fino all’unione con Credera nel 1928.

 

 

(1): Nel bozzetto “ufficiale” approntato il braccio inferiore della croce non è molto più lungo degli altri e, nel gonfalone, il braccio verticale è effettivamente più lungo ma in modo simmetrico, così che la croce sembra più una croce “greca” col braccio verticale allungato (caso simile a quanto accade per lo stemma di Sala Bolognese).

 

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Fonte: Giancarlo Scarpitta

Reperito da: Anna Bertola

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“D’azzurro alla croce latina scorciata d’oro. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
azzurro
Oggetti dello stemma:
croce latina
Attributi araldici:
scorciato

Gonfalone ridisegnato


Fonte: Giancarlo Scarpitta

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini



Profilo Araldico


“Drappo di giallo bordato di azzurro…”

Colori del gonfalone: azzurro, giallo
Partizioni del gonfalone: bordato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 08/06/1956