Cipressa


Comune di Cipressa – (IM)

Informazioni

  • Codice Catastale: C718
  • Codice Istat:
  • CAP: 18017
  • Numero abitanti: 1370
  • Nome abitanti: cipressini
  • Altitudine: 240
  • Superficie: 240
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Cipressa trarrebbe il nome, secondo la leggenda, dai suoi primi abitanti, tre pastori profughi dall’isola di Cipro e approdati sulla spiaggia degli Aregai, i quali avrebbero anche assegnato il nome alle contrade di Piazza, Poggio e Collautra.

 

Fu possedimento dei conti di Ventimiglia fino al 1252 quando il conte Oberto vendette questa porzione di territorio ai benedettini del priorato di Santo Stefano di Villaregia (Santo Stefano al Mare), a sua volta dipendente dall’abbazia di Santo Stefano di Genova.

L’abate Fredencio concesse i primi Statuti alla comunità di Cipressa nel 1276, che da allora si governò con i propri consoli, sotto il controllo del delegato dell’abate.

 

Per saldare un debito con i Doria, i benedettini cedettero la tenuta di Cipressa a Niccolò Doria nel XIV secolo, la cessione doveva essere temporanea, ma di rinnovo in rinnovo nel 1335 venne girata sul Comune di Genova, che si fece carico del debito non ancora estinto verso i Doria (ammontante allora a 2300 lire genovesi).

 

Nel corso del XVI secolo fu esposta agli attacchi dei pirati saraceni, che causarono devastazioni e razzie, a quel periodo risale la costruzione della Torre Gallinara (o Gallinaro), che divenne il simbolo del comune, al punto da essere rappresentata sullo stemma civico.

 

Durante il periodo della Repubblica Genovese venne inserita nella giurisdizione del podestà di Porto Maurizio, del cui Terziere faceva parte.

 

Con la caduta della Repubblica di Genova nel 1797, la conseguente istituzione della napoleonica Repubblica Ligure, i territori di Cipressa e di Lingueglietta divennero municipalità autonome che furono inquadrate nel cantone di Santo Stefano nella giurisdizione degli Ulivi, con capoluogo Porto Maurizio.

 

Dal 1805, con il passaggio della Repubblica Ligure nel Primo Impero francese, rientrò nel circondario di Porto Maurizio del Dipartimento di Montenotte.

 

Il territorio venne annesso al Regno di Sardegna nel 1815 dopo il congresso di Vienna del 1814.

Dal 1859 al 1926 i comuni di Cipressa e di Lingueglietta furono compresi nel V mandamento di Santo Stefano al Mare del circondario di Sanremo facente parte della provincia di Nizza, poi provincia di Porto Maurizio e, dal 1923, di Imperia.

 

Nel 1928, il comune di Cipressa inglobò i territori dei soppressi comuni di Lingueglietta e di Costarainera (ricostituito nel 1954).

 

L’emblema civico mostra la Torre Gallinara in uno stemma che si può più esattamente blasonare: “Bandato di argento e di rosso, alla torre d’oro, murata di nero, merlata di cinque alla guelfa, cimata dal gallo fermo sul merlo centrale, multicolore al maturale, crestato e barbato di rosso. Ornamenti esteriori da Comune”.

 

Il gonfalone è descritto come un «drappo trinciato di rosso e di giallo…».

 

Entrambi sono stati concessi con DPR del 20 giugno 1988 n. 3638.

 

 

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Fonte: Giancarlo Scarpitta

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Reperito da: Davide Papalini

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“Bandato di argento e di rosso, alla torre d’oro, murata di nero, merlata di cinque alla guelfa, cimata dal gallo fermo sul merlo centrale, multicolore al maturale, crestato e barbato di rosso. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
argento, rosso
Partizioni:
bandato
Oggetti dello stemma:
gallo, merlo, torre
Attributi araldici:
barbato, centrale, cimato, crestato, fermo, merlato alla guelfa, murato

Gonfalone ridisegnato


Fonte: Giancarlo Scarpitta

Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo trinciato di rosso e di giallo…”

Colori del gonfalone: giallo, rosso
Partizioni del gonfalone: trinciato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) n. 3638 di concessione – 20/06/1988