Cavallerleone


Comune di Cavallerleone – (CN)

Informazioni

  • Codice Catastale: C375
  • Codice Istat:
  • CAP: 12030
  • Numero abitanti: 646
  • Nome abitanti: cavallerleonesi
  • Altitudine: 270
  • Superficie: 270
  • Prefisso telefonico: 172
  • Distanza capoluogo: 44.3
  • Distanza capoluogo: 44.3

Storia dello stemma e del comune

Lo stemma fu concesso alla Comunità di Cavallerleone il 15 maggio 1676 dalla “Madama Reale” Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, madre del Duca Vittorio Amedeo II, quale reggente per il figlio; nell’atto di concessione, il cui originale pergamenaceo tuttora si conserva nell’archivio comunale (Arch. Com., Storico, fasc. 17, n.3), compare lo stemma miniato, accompagnato dalla seguente descrizione: “Uno Scudo Ovale cartocchiato a beneplacito di sangue ad un huomo armato d’argento a cavallo sopra un Leone d’oro, armato e contornato di sabbia”. Il medesimo stemma con qualche variante secondaria è riprodotto in un antico affresco sulla facciata del Palazzo civico.
Si tratta di un’arma “parlante”, ossia di uno stemma le cui figure, il cavaliere ed il leone, richiamano il nome della Comunità titolare. La scelta degli smalti è ispirata all’araldica della dinastia regnante, stante l’origine dello stemma da una concessione sovrana.

  • Geografia: 44.3
  • Toponomastica:

    Il toponimo risulta dall’unione di due nomi. Il primo deriva dal nome latino “caballarius” (a sua volta composto da “caballus” e dal suffisso “-arius”) con significato di ‘luogo destinato ai cavalli’. Il determinante “Leone” sembra essere, invece, legato al nome di un feudatario antico.

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“Di rosso, al guerriero armato di tutto punto d’argento, con la visiera dell’elmo alzata, il volto di carnagione, impugnante con la destra sollevata una spada sguainata del secondo, a cavallo di un leone illeopardito d’oro, armato di nero”.

Colori dello scudo:
rosso

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di giallo riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dallo stemma comunale con l’iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto giallo, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento”.

Il gonfalone è stato concesso con D.P.R. 3 marzo 1998, registrato nei registri dell’Ufficio Araldico il 03 aprile 1998, Reg. anno 1998 pag.n. 25.

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,