Casalnoceto


Comune di Casalnoceto – (AL)

Informazioni

  • Codice Catastale: B902
  • Codice Istat:
  • CAP: 15052
  • Numero abitanti: 1007
  • Nome abitanti: casalnocetesi
  • Altitudine: 159
  • Superficie: 159
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 32.1

Storia dello stemma e del comune

Il toponimo si spiega come “casale presso il bosco di noci” e risale al XIII secolo, identificante un piccolo centro urbano posto nella zona pianeggiante tra il corso del torrente Curone e le colline che lo separano dalla Val Staffora.

Nei documenti fra l’anno 700 fino al 1200 vengono citate Casalis e Nocetum come due località separate e con attribuzioni diverse.

Nocetum nel 972 viene confermato dall’imperatore Ottone I come possesso dell’abbazia di Bobbio, lo stesso monarca nello stesso anno cita Casale in una donazione al monastero di San Pietro in Ciel d’Oro di Pavia.

Alleata con i ghibellini si schiera contro la vicina Tortona; nel 1373, viene completamente distrutta dalle truppe al comando di Giovanni Acuto, al soldo del duca Galeazzo Visconti di Milano.

Nel 1415, il duca Filippo Maria Visconti la assegna al Comune di Tortona e, nel 1469, due terzi del feudo vengono concessi a Giovanni Spinola e un terzo a Gabriele Visconti.

Nel 1523, l’imperatore Carlo V concede il feudo al ramo degli Spinola di los Balbases, aggregandone il territorio al contado di Tortona nel ducato di Milano.

Tra alterne vicende gli Spinola manterranno il feudo fino alla sua soppressione, nel 1798, quando venne eretto in comune.

 

Lo stemma del comune è stato regolarmente concesso con DPR del 10 luglio 2000, dove si blasona: “campo di cielo, al centro abitato di Casalnoceto, simboleggiato dalla chiesa, munita di campanile, e da sei case, il tutto di rosso, mattonato di nero, con finestre dello stesso, esso centro uscente dal fianco sinistro e racchiuso da mura merlate alla guelfa, di rosso, mattonate di nero, esse mura circondate dal fossato colmo d’acqua, di azzurro, protetto dalla stecconata di legno al naturale, e aperte con arco, posto a sinistra, unito al ponte levatoio di legno al naturale, fornito di due catene di nero, poste in banda, il tutto sostenuto dalla campagna anomala di verde, più alta a destra, e accompagnato a destra dal noce con il tronco al naturale e la chioma di verde, il centro abitato unito alla catena di monti di azzurro uscenti dai fianchi, fondata a destra sulla campagna, il campo di cielo attraversato da due case, dal campanile e dal noce. Ornamenti esteriori da Comune”. 

Con lo stesso decreto è stato concesso il gonfalone che consta di un drappo “di rosso” caricato dallo stemma comunale.

 

Nota di Massimo Ghirardi e Giancarlo Scarpitta

 

Bibliografia:

 

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997, p. 178.

Consiglio Regionale del Piemonte. STEMMARIO CIVICO PIEMONTESE. Vol I A-L, Torino 2016, p. 118.

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Fonte: Giancarlo Scarpitta

Reperito da: Anna Bertola

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“Campo di cielo, al centro abitato di Casalnoceto, simboleggiato dalla chiesa, munita di campanile, e da sei case, il tutto di rosso, mattonato di nero, con finestre dello stesso, esso centro uscente dal fianco sinistro e racchiuso da mura merlate alla guelfa, di rosso, mattonate di nero, esse mura circondate dal fossato colmo d’acqua, di azzurro, protetto dalla stecconata di legno al naturale, e aperte con arco, posto a sinistra, unito al ponte levatoio di legno al naturale, fornito di due catene di nero, poste in banda, il tutto sostenuto dalla campagna anomala di verde, più alta a destra, e accompagnato a destra dal noce con il tronco al naturale e la chioma di verde, il centro abitato unito alla catena di monti di azzurro uscenti dai fianchi, fondata a destra sulla campagna, il campo di cielo attraversato da due case, dal campanile e dal noce. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
campo di cielo
Oggetti dello stemma:
acqua, arco, campagna, campanile, casa, catena, catena di monti, centro abitato di Casalnoceto, chiesa, chioma, finestra, fossato, legno, mura, noce, ponte levatoio, stecconata, tronco
Attributi araldici:
a destra, accompagnato, anomalo, aperto, attraversato, circondato, colmo, fondato, fornito, mattonato, merlato alla guelfa, munito, più alto, posto a sinistra, posto in banda, protetto, racchiuso, simboleggiato, sostenuto, unito, uscente dai fianchi, uscente dal fianco sinistro

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Fonte: Giancarlo Scarpitta

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di rosso…”

Colori del gonfalone: rosso

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 10/07/2000