Comune di Campo San Martino (PD)

Informazioni

  • Codice Catastale: B564
  • Codice Istat:
  • CAP: 35010
  • Numero abitanti: 5784
  • Nome abitanti: camposammartinari o camposammartinesi
  • Altitudine: 28
  • Superficie: 28
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 19.2
  • Distanza capoluogo: 19.2

Storia dello stemma e del comune

Il semplice stemma di Campo San Martino risale agli 1950-1955, come si può notare dal caratteristico bozzetto ed è stato ufficializzato a cura di Giancarlo SCARPITTA  nel 1986 (delibera del Consiglio Comunale del 23 maggio).

 

La banda ondata azzurra ci fa pensare al tortuoso corso del fiume Brenta che proprio nei pressi del Comune diviene navigabile. Si ricorda a proposito che nei secoli scorsi il paese era perennemente minacciato da frequenti e rovinose inondazioni e, in seguito ad una “brentana”, nel 1535 venne demolita persino alla chiesa.

 

La ruota dentata rappresenta l’industriosità degli abitanti ed il progresso economico della zona, soprattutto in frazione Marsango e lunga la statale Valsugana che collega Padova a Bassano del Grappa. Qui sono sorte moltissime piccole e medie industrie specializzate nei più disparati settori.

 

La spiga, oltre ricordare la fiorente economia rurale di un tempo, richiama il toponimo latino “campus”, significante luogo piano e coltivato.

 

 

 

Nota di Giancarlo Scarpitta

 

 

Il toponimo deriva dal latino “campus” (campo in piano) e “San Martino”, santo al quale è intitolata la parrocchia del paese.

Profilo Araldico

“D’argento, alla banda ondata d’azzurro, attraversata dalla ruota di molino, dentata di otto, d’oro, e accompagnata nel cantone sinistro del capo dalla spiga di grano, fogliata di due, posta in palo, al naturale. Ornamenti esteriori da Comune”.

Stemma ridisegnato

Disegnato da: Giancarlo Scarpitta

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Colori dello scudo: argento

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 26/01/1987























Torna su