Buzançais


Comune di Buzançais – (36)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Buzançais è un comune del dipartimento dell’Indre, nella regione del Centre-Val de Loire.

Durante il periodo rivoluzionario, a seguito del decreto della Convention del 25 vendemmiaio (16 ottobre 1793) che invitava i Comuni aventi dei toponimi che potevano ricordare la regalità, la feudalità o “superstizioni”, a rimpiazzarli con altre denominazioni, il comune si denominò La-Fraternité-sur-Indre.

 

Il villaggio si è sviluppato intorno al castello di Buzançais, nel territorio di Saint-Étienne, che divenne dominante su quest’ultimo che, nel tempo, divenne una semplice località. La resistenza delle autorità religiose al mutamento di situazione non permise il trasferimento della sede parrocchiale fino al XVI secolo.

 

Nel IX secolo il conte Foulques, fratellastro dei vescovi Adalard di Tours e Rainon di Angers, della dinastia dei Girardides, era proprietario dei castelli di Amboise, Châtillon-sur-Indre e Buzançais, il cui lignaggio, attraverso l’unione di Hersende de Buzançais-d’Amboise a Lisois d’Amboise, detenne il dominio per diverso tempo per poi cederlo ai De Prie.

 

Francesco I di Francia concede la signoria a Philippe de Chabot, ammiraglio di Brion, nel 1530 e tre anni dopo eleva il feudo a contea (1533). La nipote dell’ammiraglio trasmise il feudo ai Saulx-Tavannes col matrimonio nel 1638 con Guillaume de Salx. La contea poi passò al duca d’Elbeuf (1596-1657) che aveva sposata l’altra nipote dell’ammiraglio, Marguerite de Chabot-Charny.

 

Il territorio diventa un Baliato (Baliage) signorile, secondo le leggi di giustizia del Ducato di Turaine il signore di Buzançais nomina gli “ufficiali di giustizia” e il balivo (bailli), magistrati di sua fiducia che esercitano il potere in nome del feudatario.

 

Charles II d’Elbeuf vende il feudo a Jean Phélypeaux de La Vrillière de Villesavin, sire d’Argy nel 1636, al quale succede il genero Léon Bouthillier de Chavigny (1608-1652).

 

Nel 1699 Paul de Beauvilliers (1648-1714), duca di Saint-Aignan, genero di Colbert, acquista Buzançais nel 1699, i cui discendenti mantengono il feudo fino al 1828 con Charles-Paul-François de Beauvilliers (1745-1828).

 

Dell’antico castello rimane oggi solo il “Pavillon des Ducs” (Padiglione dei Duchi), parte della ricostruzione intrapresa da Philippe Chabot de Brion nel 1530.

 

Lo stemma civico si blasona: “De gueules aux trois trèfles d’argent” (Di rosso a tre trifogli d’argento) e compare già nell’ Armorial Général de France, di Charles D’Hozier (edizione del 1696, vol. V: Berry, généralité de Bourges, folio No 227).

 

Il disegno riprende quello dei De Prie, che portavano i trifogli d’oro anziché d’argento, l’emblema proprio della contea di Buzançais, che portavano: “De gueules à trois fleurs-de-lys d’argent” (Di rosso a tre gigli d’argento”).

 

I blasonisti francesi definiscono il trifoglio (trèfle) anche “tiercefeuille”, traducibile con “terzi foglia”, ma poco usato nella nostra lingua.

 

È gemellato con la città italiana di Merate (Monza e Brianza) dal 1998, e con la città polacca di Nidzica dal 2016.

 

Nota di Massimo Ghirardi

Stemma Ridisegnato


Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“Di rosso a tre trifogli d’argento”

Colori dello scudo:
rosso
Oggetti dello stemma:
trifoglio

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,