Brinzio


Comune di Brinzio – (VA)

Informazioni

  • Codice Catastale: B182
  • Codice Istat:
  • CAP: 21030
  • Numero abitanti: 880
  • Nome abitanti: brinziesi
  • Altitudine: 510
  • Superficie: 510
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 9.7

Storia dello stemma e del comune

Brìnzio si trova nella parte settentrionale della Val di Rasa tra i massicci montuosi del Campo dei Fiori e della Martica ed è erede di un insediamento già esistente nel IX secolo. Oggi si trova in una posizione di grande interesse paesaggistico, interamente compreso nel Parco Regionale del campo dei Fiori.

Il toponimo, che nell’uso comune è preceduta dall’articolo determinativo (“il Brinzio; Ul Brinsc nel dialetto varesotto) ed è citato in un documento notarile (conservato presso il Sacro Monte di Varese) del 979. Nel 1197 Brincio è documentato l’ordinamento consolare del Comune: il paese era governato da due consoli, un decano e alcuni deputati (detti “vicini”).

Al Comune risultano concessi due stemmi, quello in uso è stato concesso con D.P.R. del 20 marzo 1984 e si blasona: “D’oro, a due castagni di verde, fruttati del campo, nodriti sulla pianura di verde, con due sfondi montuosi, il primo, più vicino, costituito dalla catena delle Prealpi Varesine e Valcuviane, di verde, il secondo dalla catena del Monte Rosa, d’argento”.

Gonfalone: “… drappo troncato di verde e di giallo riccamente ornato di ricami d’argento e caricato dello stemma sopra descritto con l’iscrizione centrata in argento: Comune di Brinzio“.

Esso “sostituisce” quello concesso precedentemente con R.D. del 5 settembre 1942, che si blasonava invece: “D’azzurro al lupo di nero tendente al lago dalle naturali montagne boscose di castagni fruttati d’oro” e col relativo gonfalone: “…partito d’azzurro e di verde caricato dell’arma sopra descritta”. Probabilmente a causa della guerra in corso, che causò gravi difficoltà alle comunicazioni, l’atto non venne mai notificato al Comune e lo stemma non entrò in uso.

Nota di Massimo Ghirardi e Giovanni Giovinazzo

Bibliografia:

Archivio Centrale dello Stato, Roma – Ufficio Araldico/Fascicoli Comunali.

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997.

Stemma Ridisegnato


Fonte: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini




Profilo araldico


“D’oro, a due castagni di verde, fruttati del campo, nodriti sulla pianura di verde, con due sfondi montuosi, il primo, più vicino, costituito dalla catena delle Prealpi Varesine e Valcuviane, di verde, il secondo dalla catena del Monte Rosa, d’argento. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
oro
Oggetti dello stemma:
Prealpi Varesine e Valcuviane, castagno, catena, catena del Monte Rosa, pianura, sfondo
Attributi araldici:
costituito, fruttato, montuoso, nodrito, più vicino

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini



Profilo Araldico


“Drappo troncato di verde e di giallo…”

Colori del gonfalone: giallo, verde

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Regio Decreto (RD) di concessione – 05/09/1942

      Il decreto venne emanato, ma non fu mai consegnato al Comune.

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 20/03/1984