Atripalda


Città di Atripalda – (AV)

Informazioni

  • Codice Catastale: A489
  • Codice Istat:
  • CAP: 83042
  • Numero abitanti: 11174
  • Nome abitanti: atripaldesi
  • Altitudine: 294
  • Superficie: 294
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 6.5

Storia dello stemma e del comune

Il toponimo deriva dal personale germanico “Atrepald, Atripald”, nobile longobardo che sarebbe stato proprietario dei territori circostanti.

I comuni confinanti sono: Manocalzati, San Potito Ultra, Cesinali, Aiello del Sabato, Sorbo Serpico, Santo Stefano del Sole, Avellino.
“D’azzurro al destrocherio di carnagione, vestito di rosso, movente dal fianco sinistro dello scudo ed impugnante un flagello di tre corde nodose terminanti in altrettante palle, il tutto d’oro”.

Lo scudo è tipicamente partenopeo: innanzitutto per il campo azzurro, tipico del napoletano, ed in secondo luogo per la presenza del destrocherio, che si può ritrovare in tante altre armi di famiglie campane, come i Mazzaccara di Celenza o i Broya de Lucia di Nocera. Probabilmente il flagello d’oro è stato introdotto in un tentativo di rendere lo stemma alludente al nome del comune: Atripalda, a-tri-palda, ossia “a tre palle”, quelle che muovono dalla mazza impugnata dal destocherio.
Nota di Massimo Ceresa

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“D’azzurro al destrocherio di carnagione, vestito di rosso, movente dal fianco sinistro dello scudo ed impugnante un flagello di tre corde nodose terminanti in altrettante palle, il tutto d’oro”

R.D. 18 luglio 1867

Gonfalone ridisegnato


Reperito da: Luigi Ferrara

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di verde…”

Colori del gonfalone: verde

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Regio Decreto (RD) di concessione – 18/07/1867