Argelato


Comune di Argelato – (BO)

Informazioni

  • Codice Catastale: A392
  • Codice Istat:
  • CAP: 40050
  • Numero abitanti: 9744
  • Nome abitanti: argelatesi
  • Altitudine: 25
  • Superficie: 25
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 15.5

Storia dello stemma e del comune

Il nome deriva da “argeratu” con significato di ‘[terreno] munito di argini’ in riferimento alla zona che ha sempre avuto bisogno di opere di arginamento dalle distruttive inondazioni del Reno, fu sede di un castello della contessa Matilde di Canossa.

Stemma antico ma formalmente riconosciuto con Decreto del Capo del Governo solo il 26 gennaio 1930, e blasonato: “Alla banda di sette losanghe di nero; capo d’azzurro; a tre gigli d’oro, ordinati in fascia”; analogamente ad altri casi, il Comune ha adottato come proprio lo stemma gentilizio della famiglia feudale originaria di questo territorio e dal quale prese agnome, gli Argelati.

Note di Massimo Ghirardi e Alessandro Savorelli

Bibliografia:

AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997 (prima edizione 1990).
AA.VV. STEMMI delle Province e dei Comuni dell’ Emilia Romagna, a cura del Consiglio Regionale dell’Emilia Romagna. Editrice Compositori, Bologna 2003.

E’ opinione comune che il toponimo derivi dal latino “agger” o “arger” (tratto di terreno arginato). Alcuni studiosi, però, propongono, come etimologia, un derivato in “-atum” o “-ata” di “gelare” o “re-gelare” nel senso di ‘gelare’, ‘fare molto freddo’.

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Non ci sono altre immagini

Profilo araldico


“D’oro, alla banda di sette losanghe di nero; capo d’azzurro; a tre gigli d’oro, ordinati in fascia. Ornamenti esteriori di Comune”

R.D. 26 gennaio 1930

Colori dello scudo:
azzurro, oro
Partizioni:
capo

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di giallo…”

Colori del gonfalone: giallo

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Regio Decreto (RD) di concessione – 11/01/1930