Arcola


Comune di Arcola – (SP)

Informazioni

  • Codice Catastale: A373
  • Codice Istat:
  • CAP: 19021
  • Numero abitanti: 10507
  • Nome abitanti: arcolani
  • Altitudine: 70
  • Superficie: 70
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 2.6

Storia dello stemma e del comune

Antico dominio degli Obertenghi, nel X secolo passa come proprietà ai vescovi di Luni/Sarzana che costruiscono il castello, del quale rimane ancor’oggi la torre pentagonale simbolo del paese. Si spiega per questo la nomina del
CASTRUM ARCOLÆ in un documento del 1128.

Il castello fu distrutto dai Genovesi, la torre fu “restaurata” nel XIX secolo dal celebre architetto Alfredo D’Andrade (al quale si deve la maggior parte dei restauri “in stile” dei monumenti medioevali del Nord Italia) con le sue pertinenze. Attualmente è sede del Municipio (a sua volta riedificato nel 1884 dall’architetto Domenico Canini in “stile duecentesco”).

L’emblema del Comune è composto da uno scudo azzurro, caricato di un “arco” (richiamante il toponimo di Arcola, come “piccolo arco”) in pietre d’argento fondato su una pianura dello stesso, nel cantone destro del capo un crescente di luna d’oro accompagnato da una stella dello stesso ad otto punte: richiamo allo stemma dell’antica città di Luni, passato pressoché integro alla città di Sarzana, erede della precedente.
Lo scudo è timbrato da una corona d’oro del rango di conte, richiama l’antico feudo degli Obertenghi poi passato ai vescovi di Luni/Sarzana.

(vedi anche: Sarzana)

Il toponimo deriva dal latino “arca” (punto tridirezionale di confine) nella forma diminutiva in “-ula”.

I comuni confinanti sono: Vezzano Ligure, Lerici, Sarzana, La Spezia.

Stemma Ridisegnato


Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini



Profilo araldico


“D’azzurro, caricato di un “arco” in pietre d’argento fondato su una pianura dello stesso, nel cantone destro del capo un crescente di luna d’oro accompagnato da una stella dello stesso ad otto punte. Lo scudo è timbrato da una corona d’oro del rango di conte”

Blasone di Massimo Ghirardi

Stemma approvato con delibera del Consiglio Comunale n.10 del 29 maggio 1980

Colori dello scudo:
azzurro

Gonfalone ridisegnato


Gonfalone Ufficiale


Profilo Araldico


“Drappo di bianco…”

Gonfalone ridisegnato da Pasquale Fiumanò

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,