Alà dei Sardi


Comune di Alà dei Sardi – (SS)

Informazioni

  • Codice Catastale: A115
  • Codice Istat:
  • CAP: 7020
  • Numero abitanti: 1960
  • Nome abitanti: alaesi
  • Altitudine: 664
  • Superficie: 664
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 22.8

Storia dello stemma e del comune

Prima del R.D. del 14 gennaio 1864 il comune di chiamava semplicemente Alà. L’origine del toponimo risulta ancora non ben definito, tuttavia esistono varie proposte: Alà può derivare dal portoghese “alà” (là) ad indicare che sull’altopiano, nelle vicinanze del paese, si trovava una stazione romana; dal basco “alha” (pastura) in considerazione che la campagna di Alà è dedita prevalentemente alla pastorizia; dal fenicio “ala” (alto, elevazione) sempre indicando l’altopiano e la vicinanze alla stazione romana.

Stemma Ridisegnato


Fonte: Alex Musino e Alessio Sanna

Reperito da: Giovanni Giovinazzo

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale


Logo


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo araldico


“Inquartato: nel PRIMO, di rosso, alle sette spighe di grano, d’oro, impugnate, legate di azzurro; nel SECONDO, di azzurro, alla quercia da sughero, con la chioma di verde e il tronco al naturale, nodrita nella pianura di verde; nel TERZO, di azzurro, alla pecora riposante, con la testa rivolta, di argento, sostenuta dalla pianura di verde; nel QUARTO, di rosso, alla due api di oro, ordinate in palo. Ornamenti esteriori da Comune”.

Colori dello scudo:
azzurro, rosso
Partizioni:
inquartato
Oggetti dello stemma:
ape, chioma, pecora, quercia da sughero, spiga di grano, testa, tronco
Pezze onorevoli dello scudo:
pianura
Attributi araldici:
impugnato, legato, nodrito, ordinato in palo, riposante, rivolto, sostenuto

Gonfalone ridisegnato


Disegnato da: Bruno Fracasso

Gonfalone Ufficiale


Altre immagini


Nessun'altra immagine presente nel database

Profilo Araldico


“Drappo di giallo…”

Colori del gonfalone: giallo

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

    • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 19/11/1999