Dordogna

Home » Départements » Dordogna

Dipartimento Dordogna

Département Département de la Dordogne

Informazioni
  • densità:
Storia del Dipartimento e dello Stemma
Il dipartimento della Dordogna (Dordogne) si trova nella regione dell’Aquitania (Aquitaine) e deve il suo nome al fiume che lo attraversa. Il capoluogo è Périgueux.

 

In questa zona sono stati ritrovati insediamenti risalenti all’epoca dell’uomo di Néandertal e di periodi successivi. Vi si trovano le famosissime grotte di Lascaux con le loro pitture rupestri.

Verso il 60 a.C. i romani creano le famose vigne di Bergerac.

 

La tribù dei Petrocoriani, del popolo gallico, segna il destino della regione sia dal punto di vista storico sia per la fondazione di Vesonna (Périgueux), la capitale sia perché è da loro che la regione e la capitale prendono il nome che in gallo significava quattro armate, da petru- (quattro, in francese quatre) e corii (armata). Il nome di Pétrocoriens designa oggi gli abitanti del Périgord (detti anche Périgourdins usato però soprattutto per gli abitanti di Périgueux).

 

Con Augusto il Périgord entra a fare parte dell’Aquitania.

 

Nel 1360, passa sotto sovranità inglese con il trattato di Brétigny. Con la guerra dei Cen’anni torna alla Francia e vede il suo territorio popolarsi di castelli. Il protestantesimo appare nella vallata nell’anno 1530.

 

Il dipartimento fu creato durante la Rivoluzione francese il 4 marzo 1790, in applicazione della legge del 22 dicembre 1789 avendo all’incirca gli stessi confini dell’antica provincia del Périgord con qualche lieve rimaneggiamento dovuto alla ridefinizione del territorio delle diocesi che lo componevano.

 

Nel 1793, i comuni di Boisseuilh, Coubjours, Génis, Payzac, Saint-Cyr-les-Champagnes, Saint-Mesmin, Salagnac, Savignac, Saint-Trié et Teillots vengono staccati dal dipartimento del Corrèze per diventare parte della Dordogna, mentre quest’ultima cede, nel 1794 Cavarc al Lot-et-Garonne.

Sempre nel 1794 il comune di Parcoul è staccato dalla Charente-Inferiore e riunito alla Dordogna.

Nel 1819 l’ultimo cambiamento: Beaurepos viene separato del dipartimento per fondersi con il comune di Soillac e passare a far parte del Lot.

 Dordogne

Lo stemma della Dordogna riprende le armi dell’antica provincia del Périgord e dei conti di Périgord che ne erano i signori. Nicolas Viton de Saint-Allais scrive che queste armi risalgono almeno al 1356.

 

Si blasona: « De gueules à trois lions d’or, armés, lampassés et couronnés d’azur » (Di rosso ai tre leoni d’oro, armati, lampassati e coronati d’azzurro).

 

Anche la bandiera della Dordogna è ufficiale e consiste in un drappo rosso ai tre leoni armati, lampassati e coronati d’azzurro. Anche questa è una bandiera tradizionale.

dordogne 2

Il dipartimento e il Consiglio Generale utilizzano lo stesso logo che consiste in un uomo stilizzato in una posizione dinamica, accostato da due linee arcuate rossa e verde. La scritta e l’uomo sono in arancio-bruno. Il Conseil Géneral utilizza la scritta “Conseil Général de la” in nero su due righe e con carattere corsivo.

 

Nota di Bruno Fracasso

Profilo Araldico
“Di rosso ai tre leoni d’oro, armati, lampassati e coronati d’azzurro”.
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Colori dello scudo: rosso
Oggetti dello stemma leone
Attributi araldici: armato, coronato, lampassato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su