Warzawa

Home » Comuni » Warzawa

Comune di Warzawa (WA)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Warzawa (Varsavia, in italiano; Warschau, in tedesco) è la capitale della Polonia, della quale è al maggiore città per numero di abitanti, capoluogo del Voivodato di Masovia (Województwo Mazowieckie) è un Comune Distrettuale (Miasto Stołeczne Warszawa) è attraversata dal fiume Vistola.

Durante il periodo di governo nel ducato di Masovia di Bolesław II (1294-1313) venne costruito il nucleo primitivo del castello reale dove era una proprietà della famiglia dei Rawów, che diverrà in seguito la capitale del ducato nel XIV secolo col duca Janusz I Starszy.

È documentata come Wareseviensis nel 1321, Varschewia nel 1342, e come Warschouia nel 1482, poi Warszewa o Warszowa probabilmente dovuto alla contrazione del polacco Warcisław o Wrocisław, nome col quale venivano chiamati i primogeniti della famiglia dei Rawów, i proprietari terrieri ai quali apparteneva il fondo corrispondente all’attuale centro cittadino (il citato Fundus Wareseviensis). Nella parlata della Masovia venne poi denominata Warszawa.

Secondo la leggenda il nome deriva dai nomi del pescatore Wars e della sirena Sawa, in una delle tante versioni la sirena viveva nella Vistola e alcuni pescatori vennero rapiti dalla sua bellezza e dal suo canto melodioso. La creatura venne fatta prigioniera da un ricco e malvagio mercante, uno dei pescatori, Wars, accorse in suo aiuto e la liberò, e, in segno di gratitudine, la sirena promise di proteggere tutti i pescatori (e, per estensione, gli abitanti di Varsavia). La donna-pesce ha dato origine alla nota figura dello stemma della città che risale al XIV secolo, dove la figura appare più simile ad un’arpia (animale fantastico con parte superiore di donna, le ali e la parte inferiore di aquila, la coda di drago) armata.

Negli antichi panegirici dello stemma di Varsavia, risalenti alla prima metà del XVII secolo, nominano la Sirena e la lodano come protettrice e sorvegliante sul benessere della città. Ancora però nel sigillo comunale della Città Vecchia di Varsavia (XVII sec.) appare metà donna-metà uccello. La Sirena in forma di metà donna e metà pesce compare nella simbologia ufficiale della città solo alla metà del XVIII secolo. La forma attuale in uso è stata stabilita il 15 agosto 1990.

Nella versione “aulica” (piuttosto rara nell’uso attuale) lo scudo è insignito di una corona regale, rinvio al ruolo di capitale e sede della corte polacca, da un serto di alloro dal quale pende la croce dell’Ordine Virtute Militari, la più alta decorazione militare attribuita per atti di coraggio compiuti di fronte al nemico per il ruolo e il coraggio degli abitanti durante le guerre, in particolare durante la Seconda Guerra mondiale (l’Ordine Cavalleresco venne creato nel 1792 dal re Stanisław August Poniatowski).

Nel 1408 la “Città Vecchia”, racchiusa nelle mura,  si separò amministrativamente dalla “Città Nuova”. Nel 1526, con la morte dell’ultimo duca di Masovia, Janusz III, il territorio passò sotto il dominio del re di Polonia che nel 1569 vi decretò il trasferimento del Parlamento dalla vecchia capitale di Cracovia, nel 1596 il re Zygmunt III (Sigismondo Wasa, che era già anche re di Svezia) vi trasferì anche la residenza reale.

La capitale polacca intrattiene numerosi rapporti di “gemellaggio” con altri centri del mondo: dal 1989 con Düsseldorf. Dal 1990 con Hamamatsu (Giappone), con la Regione francese del Île-de-France e la città canadese di Toronto. Dal 1991 con Berlino, Istanbul, L’Aja. Dal 1992 con Tel-Aviv. Dal 1993 con Harbin (Cina) e Mosca. Dal 1994 con Kiev. Dal 1995 con Chicago, Taipei, Saint-Etienne (Francia). Dal 1996 con Seoul. Dal 1007 con Rio de Janeiro, San Pietroburgo, e Groznyl (Russia). Dal 1998 con Vilnius e dal 2000 con Hanoi.



Nota di Massimo Ghirardi
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini


Colori dello scudo: rosso
Oggetti dello stemma scudo, sirena, spada

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su