Vesoul

Home » Comuni » Vesoul

Comune di Vesoul (70)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Vesoul è una città del Dipartimento della Haute-Saône (Alta Saona) nella Regione della Franche-Comté (Franca Contea). Sorge sulla collina della Motte, dove i primi insediamenti umani risalgono all’antichità, CASTRUM VESULIUM (“fortezza sulla montagna” dalla radice gallica “ves”: montagna, come per Vesuvio) è documentata nell’899, e dall’XI secolo come sede di una Vicecontea.

Il castello viene edificato dai conti Portois, provenienti dalla prima sede di Port-sur-Saône troppo esposta alla minacce delle guerre feudali. Si sviluppa rapidamente come centro commerciale e religioso, fino ad acquisire il ruolo di capitale amministrativa e giudiziaria quando, fondendosi con altre tre contee contigue, entra a far parte della Contea di Borgogna. Nel 1032 la Contea verrà unita all’Impero di Enrico II.

Nel 1242 la città assume il nome di VESOUL. Nel 1333 diviene sede del Baliaggio d’Amont, il più vasto della Franca Contea, fondato dal Filippo VI di Francia, affidato ai De Faucogney. L’ultimo della casata Henry de Faucogney nel 1347 muore lasciando il feudo in eredità al Duca di Borgogna. Dopo la distruzione della città operata dalle armate germaniche nel corso del XIV secolo, il duca di Borgogna Filippo III la ricostruisce e la fortifica.

Durante il Rinascimento la Franca Contea appartiene nuovamente all’Impero, il 16 aprile 1540 l’imperatore Carlo V crea la Commune di Vesoul.

Nel 1595 il re di Francia Enrico IV dichiara guerra alla Spagna e invade la Franca Contea, distruggendo la fortezza borgognona. Perduta la quale la città, vittima della guerra e delle epidemie, si riduce ad una umile borgata di poco più di mille abitanti.

Viene conquistata dal duca di Navailles, generale di Luigi XIV, nel febbraio del 1674, quindi assegnata alla Francia (con tutta la Contea) con il trattato di Nimega del 10 agosto 1678, conservando il ruolo di capitale del Baliaggio d’Aumont fino alla soppressione nel 1790.

Nel 1791 viene eretta la Diocesi di Vesoul e il 12 marzo 1800 diviene capoluogo della nuova Prefettura del Dipartimento dell’Alta-Saona.

Dal 27 gennaio al 6 giugno 1814 fu anche l’effimera capitale di un piccolo “stato-cuscinetto” creato da Napoleone I, tra la Francia e la Germania, coincidente con l’antica Franca Contea con l’aggiunta dei Vosgi, del Principato di Montbéliard e del territorio di Porrentruy.

Nel 1870 molti profughi alsaziani, fuggiti dal loro territorio conquistato dalla Prussia, si stabiliranno a Vesoul, compresi alcuni industriali meccanici.

Oggi è nota come “Capitale della logistica automobile”, sede delle industrie PSA Peugeot-Citroën e anche per esser stata immortalata da Jacques Brel in una sua opera musicale.

Lo stemma di Vesoul si blasona: “Coupé : au premier d’azur semé de billettes d’or au lion issant du même, armé et lampassé de gueules, brochant sur le tout, au second de gueules au croissant d’argent”.

In italiano: “Troncato: al primo d’azzurro seminato di biglietti d’oro al leone nascente [dalla linea di partizione] dello stesso, armato e lampassato di rosso, attraversante; al secondo di rosso al crescente d’argento”.

Il crescente compare sulle armi di Vesoul dal XV secolo e differenzia questo stemma da quello di Dole, mentre il leone richiama l’antica contea di Borgogna e della regione della Franca Contea (D’azzurro seminato di biglietti d’oro, al leone dello stesso, armato e lampassato di rosso).

In passato allo stemma erano associati i motti: DIFFER IN POSTERUM (“Da spostare più tardi”), oppure SOLI DEO GLORIA : solo a Dio la gloria.

 

Nota di Massimo Ghirardi

Profilo Araldico
“Troncato: al primo d’azzurro seminato di biglietti d’oro al leone nascente [dalla linea di partizione] dello stesso, armato e lampassato di rosso, attraversante; al secondo di rosso al crescente d’argento”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: azzurro, rosso
Partizioni: troncato
Oggetti dello stemma biglietto, crescente, leone
Attributi araldici: armato, attraversante, lampassato, nascente, seminato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su