Ruvo del Monte

Home » Comuni » Ruvo del Monte

Comune di Ruvo del Monte (PZ)

Informazioni

  • Codice Catastale: H646
  • Codice Istat:
  • CAP: 85020
  • Numero abitanti: 1113
  • Nome abitanti: ruvesi
  • Altitudine: 638
  • Superficie: 638
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 49.4
  • Distanza capoluogo: 49.4

Storia dello stemma e del comune

Deriva dal latino rubus “rovo”; potrebbe derivare anche da rupes “roccia” che farebbe riferimento alla ubicazione dell’abitato su uno sperone. Monte è di etimologia evidente: si riferisce al M. Fele. Gli abitanti si chiamano Ruvesi. Fu fondata dai Sanniti (l’antico popolo italico che abitò gli altipiani del Sannio, nell’Appennino meridionale, e che comprendeva caraceni, pentri, caudini e irpini. Fieri oppositori della penetrazione romana, furono definitivamente debellati dal generale romano Silla nell’82 a.C.) col nome di Rufrae. Romanizzata, perse importanza e decadde fino all’arrivo dei Longobardi nell’Alto Medioevo (XI secolo), che ne fecero una roccaforte. Nella stessa epoca i Benedettini fondarono nel suo territorio, nei pressi del casale denominato Cerrutolo un’abbazia che, fino al Trecento, ebbe importanza religiosa e culturale. In epoca sveva la cittadina appartenne agli Armaterra. Nel 1268 fu distrutta dagli Angioini che – con Carlo I d’Angiò – avevano sconfitto Corradino, ultimo discendente della dinastia sveva degli Hohenstaufen, a Tagliacozzo (L’Aquila). Nel Trecento fu fortificata con un castello – e menzionata nei documenti del 1310 come Castri Rubi – e fu feudo dei Del Balzo e di altri signori che, spesso in lotta fra di loro, portarono a una nuova distruzione dell’abitato e delle sue fortificazioni. Tratto dal sito de La Gazzetta del Mezzogiorno Statuto comunale
Profilo Araldico
“D’azzuro ai tre monti al naturale sormontati dalla lettera R dorata con soprastante un braccio recante un giglio”.”.
Stemma ridisegnato

Stemma Ufficiale
Altre Immagini


Colori dello scudo: azzurro

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su