Rochefort-sur-Nenon

Home » Comuni » Rochefort-sur-Nenon

Comune di Rochefort-sur-Nenon (39)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Rochefort-sur-Nenon è un piccolo comune del dipartimento dello Jura (Giura), nella regione della Franche-Comté (Franca Contea). Si tratta di un antico borgo fortificato posto sulla cima di una piccola altura rocciosa della valle del Doubs, da cui il nome di Rochefort (“Roccaforte”) che nel 1894 adottò il determinante sur-Nenon, si trova a 7 chilometri dal capoluogo Dole, alla cui agglomerazione urbana appartiene.

In epoca gallica sorgeva in questa zona la città di Aibe (o Hèbe), i cui abitanti vennero però sterminati da un’epidemia, in epoca romana venne rifondata e compare sulla celebre mappa di Peutinger come Crusinie, che venne distrutta nel IV secolo.

In seguito in questo importante punto di controllo della viabilità venne costruito un piccolo fortilizio che, nel XIV secolo venne trasformato in castello vero e proprio. Alcune nobili famiglie costruirono presso il maniero le loro dimore che andarono a formare il Bourg-Dessus (Borgo di Sopra), mentre un villaggio borghese si stava sviluppando in piano, diverrà il Bourg-Dessous (Borgo di Sotto). Entrambi verranno compresi in una possente cinta muraria, turrita e provvista di quattro porte, della quale rimangono oggi importanti vestigia.

Venne creata la baronia di Rochefort, che comprendeva numerosi villaggi del circondario, da Etienne III di Borgogna nel XIII secolo e affidata ai conti di Chalon che la mantennero fin verso il 1368, quando Jean III de Chalon-Rochefort, assediato dalla contessa Margherita di Francia e dal fratello Tristan, venne fatto prigioniero e il feudo acquisito da Margherita. Nel 1477 Maria figlia ed erede universale del duca Carlo I di Borgogna, proprietaria anche del feudo di Rochefort, sposò Massimiliano I d’Asburgo, futuro imperatore. Nel 1479 la signoria venne venduta a Claude de Vaudrey ma, morto costui senza eredi, lasciò alcuni beni (tra cui Rochefort) alla moglie Marie de Chalans, che lo trasmetterà al nipote Claude nel 1567, il quale si sposò con Laurence de Perrenot de Granvelle, figlia del Guardasigilli dell’imperatore Carlo V, la quale rimase vedova e si risposò con Pierre de Montluel, ma il feudo rimase alla famiglia Perrenot fino al 1597, quando Filippo II di Spagna decise di riprenderselo (dopo aver avuto tutta la Franca Contea dal padre, Carlo V, nel 1555). 1678 verrà unito ai domini del Regno di Francia.

Come stemma ha adottato quello dei suoi antichi feudatari, i signori di Rochefort, e si blasona: “Coupé: au 1er d’argent au lion léopardé de gueules, au 2e d’azur à neuf billettes d’or, 5 et 4” (Troncato: al primo d’argento al leone leopardato di rosso, al secondo d’azzurro a nove biglietti d’oro, [ordinati] 5 e 4).

 

Nota di Massimo Ghirardi

Profilo Araldico
“Troncato: al primo d’argento al leone leopardato di rosso, al secondo d’azzurro a nove biglietti d’oro, [ordinati] 5 e 4”.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: argento, azzurro
Partizioni: troncato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su