Rio di Pusteria

Home » Comuni » Rio di Pusteria

Comune di Rio di Pusteria – Muehlbach (BZ)

Informazioni

  • Codice Catastale: H299
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 2961
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Lo stemma è stato riconosciuto solo nel 1971 ed è del genere detto “parlante” (particolarmente efficace con la versione germanica del toponimo): infatti è composto da una stretta sbarra sinuosa d’argento, simboleggiante il torrente Valles (“Rio” in italiano, “Bach” in tedesco) che scorre attraverso il capoluogo, da sempre usato come forza motrice per le ruote idrauliche del mulino (“Mühle”). Il piccolo asinello d’argento, usato come animale da soma per il trasporto delle granaglie al mulino, è simbolico dell’attività agricola alla quale sono particolarmente dediti gli abitanti. Si blasona: “Di verde alla banda sinuosa d’argento, accompagnata in capo da una ruota di mulino di nero ed in punta da un somaro al naturale”. L’attuale Comune, per il quale si propose (per fortuna senza esito) la denominazione italiana di MILBACCO comprende anche i territori di quelli soppressi di Maranza/Maransen e di Rodengo/Rodeneck. Note di Massimo Ghirardi Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Utet, Torino 1997 (prima edizione 1990). Provincia Autonoma di Bolzano-Altoadige, MANUALE DELL’ALTO ADIGE, Giunta Provinciale, Bolzano 2004. Prünster (H.), DIE WAPPEN DER GEMEINDEN SÜDTIROLS. Etschlandbücher, Veröffentlichungen des Landesverbandes für Heimatpflege in Südtirol, Band 7, Bolzano 1972. Tolomei (Ettore), PRONTUARIO DEI NOMI LOCALI DELL’ALTO ADIGE. Istituto di Studi per l’Alto Adige, Roma 1935.
Profilo Araldico
“Di verde un argenteo serpeggiante ruscello posto in banda, accompagnato in alto da una nera ruota di mulino ed in basso da un somaro”.
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Colori dello scudo: verde

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su