Peccioli

Home » Comuni » Peccioli

Comune di Peccioli (PI)

no comune

Informazioni

  • Codice Catastale: G395
  • Codice Istat:
  • CAP: 0
  • Numero abitanti: 4966
  • Altitudine: 0
  • Superficie: 0
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Comune della val d’Era, in provincia di Pisa. Il toponimo forse deriva dal latino picea (‘pino selvatico’) dal quale PICCIOLE, documentato nel 793, e PETIOLE nel 1061 e quindi PECCIORI nel XIV secolo. In epoca medievale fu sede di un importante castello che sorge su uno sperone tufaceo, attorno al quale si sviluppò il borgo. Ne furono signori i conti della Gherardesca, i quali nel XII secolo lo cedettero al vescovo di Volterra. A seguito delle alterne vicende belliche, passò in seguito sotto il dominio di Pisa, a più riprese contrastato dalla Repubblica di Firenze e da Castruccio Castracani, signore di Lucca. Nel 1509 passò definitivamente sotto il dominio fiorentino, che ne fece sede di una podesteria, dipendente dal vicariato di Lari. Lo stemma attualmente in uso rappresenta il castello pisano, ma nelle versioni precedenti esso era rappresentato come un torrione di due palchi, simboleggiante la torre della Castellaccia, edificata da Castruccio Castracani sul picco che domina il paese. Nei sigilli della podesteria il castello è costituito da due torri unite da un ponte ad arco. Nota di Massimo Ghirardi e di Michele Turchi Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA. Utet, Torino 1997. Pagnini, G.P. (a cura di). GLI STEMMI DEI COMUNI TOSCANI AL 1860. Polistampa, Giunta Regionale Toscana, Firenze 1991.
Profilo Araldico
“Di rosso, al castello di una torre d’argento, murato di nero, finestrato dello stesso, aperto del campo”
Stemma ridisegnato
Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Colori dello scudo: rosso
Profilo Araldico
“Drappo di bianco…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su