Livorno

Home » Comuni » Livorno

Città di Livorno (LI)

Informazioni

  • Codice Catastale: E625
  • Codice Istat:
  • CAP: 57100
  • Numero abitanti: 161131
  • Nome abitanti: livornesi
  • Altitudine: 3
  • Superficie: 3
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Lo stemma attuale della città riprende uno più antico mostrante una torre in mezzo al mare e sormontato dalla lettera capitale latina L riusalente al dominio genovese del porto. Secondo Luigi Passerini la torre in antico aveva tre torri, anziché due come oggi, perché la “terra” (poi “città”) fu costruita in luogo detto Triaturrita, presso il Porto Pisano nominato nelle cronache di Rutilio Namanziano. Nel XVI secolo la città usava un sigillo con una galea flottante, sull’albero della quale sventolava una bandiera crociata. Nel 1605 il Gran Duca di Toscana Ferdinando I de’Medici concesse lo stemma attuale (riconosciuto poi dal Re d’Italia con decreto del 19 settembre 1929), lo stemma comprendeva anche la figura di Santa Giulia; mentre il 19 marzo 1606 la elevò al rango di città. Si blasona: “Di rosso, alla fortezza torricellata di due, al naturale, la torre di destra [araldica] cimata da una banderuola d’argento svolazzante a sinistra con la legenda FIDES in nero, astata dello stesso; la fortezza movente da un mare d’azzurro ombrato d’argento”.   La “leburna” dei Romani, dalla quale potrebbe derivare il nome della città, era un’imbarcazione (brigantino o feluca), alcuni asseriscono che il primitivo stemma della città mostrava detta imbarcazione in luogo della fortezza. La parola FIDES pare una concessione della Repubblica Fiorentina a ricordo della fedeltà dimostrata da Livorno contro l’armata che la assediò invano nel 1496, guidata dall’imperatore Massimiliano d’Asburgo con Venezia e Genova alleate.   Note di Massimo Ghirardi Bibliografia: AA.VV. DIZIONARIO DI TOPONOMASTICA Storia e significato dei nomi geografici italiani. UTET, Torino 1997 (prima edizione 1990). Pagnini (Gian Piero) a cura di, GLI STEMMI DEI COMUNI TOSCANI AL 1860. Polistampa, Giunta Regionale Toscana, 1991.
Profilo Araldico
“Di rosso, alla fortezza torricellata di due, al naturale, la torre di destra [araldica] cimata da una banderuola d’argento svolazzante a sinistra con la legenda FIDES in nero, astata dello stesso; la fortezza movente da un mare d’azzurro ombrato d’argento”. DCG 19 settembre 1929
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Fonte: Anna Bertola

Stemma Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Note Stemma

Stemam reprito da Giovanni Giovinazzo

Profilo Araldico
“Drappo di rosso…”
Gonfalone ridisegnato
Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: rosso

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su