Frosinone

Home » Comuni » Frosinone

Città di Frosinone (FR)

Informazioni

  • Codice Catastale: D810
  • Codice Istat:
  • CAP: 3100
  • Numero abitanti: 48122
  • Nome abitanti: frusinati
  • Altitudine: 291
  • Superficie: 291
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

L’attuale stemma della Città di Frosinone deriva da quello dei Cajetani (anche Gaetani) e che furono principi di Frosinone nel XIII secolo, come feudatari della Chiesa, quando la città era capoluogo della Provincia Pontificia di Campagna.

In segno di riconoscenza verso i Cajetani la Citta’ decise in quel secolo di adottarne l’antica insegna del leone rampante inquartata nel suo stemma civico originale che, stando alla tradizione, era formato da due giavellotti. Allo stemma così ottenuto fu aggiunta una banda rossa con il motto BELLATOR FRUSINO, ripreso da “Bellicosa Frusino” che il poeta Silio Italico (Punica – Libro XII – v. 530 I sec. A.C.) attribuisce alla stirpe Volsca “onde metterne in risalto l’indole audace e guerriera, dimostrata da lunghe lotte per l’indipendenza e la libertà della regione”(1).

Nel corso del tempo lo stemma subì alcune modifiche, temporanee e determinate dalle vicende storiche. Nel sigillo che autentica i “Libri Consiliari” del 1588 figurano, sopra al leone, le chiavi incrociate di San Pietro. È del 1685 un timbro a secco del Comune, che riporta le chiavi incrociate del papato e il motto “Bellator Frusino” sulla fascia che attraversa il leone rampante. Dal 1809 al 1813, seguendo le regole dell’araldica imperiale napoleonica lo stemma è sormontato da una corona murale e dall’aquila di Zeus che regge fra gli artigli un fascio littorio saettante e circondato dalla legenda “Le Maire della Città di Frosinone”.

Nel 1817 lo stemma viene rappresentato anche con le chiavi pontificie decussate e sormontate dal triregno con la scritta “Capoluogo di Delegazione – Citta’ di Frosinone”.

Lo stemma attualmente in uso è così blasonato: “Di rosso al leone d’oro linguato(2) del campo, colla coda ripiegata verso la schiena, attraversato da una banda in divisa abbassata(3) cerulea portante la legenda in oro “Bellator Frusino”. Lo stemma è sormontato dalla corona ducale”.



Nota di Massimo Ghirardi

(1): dal sito istituzionale del Comune di Frosinone (2008).
(2): aggettivo che specifica il colore della lingua (in questo caso: rosso), sinonimo di lampassato.
(3): la “banda” è una striscia obliqua, che va dall’angolo destro del capo a quello sinistro della punta (ricordiamo che in Araldica le direzioni sono invertite rispetto all’osservatore, perché riferite all’ipotetico cavaliere che imbraccia lo scudo), “abbassata” significa che è posta un po’ più in basso della sua posizione ordinaria, “ceruleo” è un termine ricercato sinonimo di “rosso”.
Profilo Araldico
“Di rosso, al leone al naturale, alla sbarra attraversante, d’oro, caricata della scritta”BELLATOR FRUSINO” Capo del Littorio: di rosso (porpora) al fascio littorio d’oro, circondato da due rami di quercia e di alloro annodati da un nastro dai colori nazionali. Ornamenti esteriori da Città”.

Il capo è stato eleminato ai sensi del «Decreto Legislativo Luogotenenziale del 10 dicembre 1944 № 394.
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Fonte: Luigi Ferrara

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: rosso
Oggetti dello stemma leone, scritta
Pezze onorevoli dello scudo: sbarra
Attributi araldici: attraversante, caricato
Profilo Araldico
“Drappo di bianco…”.
Gonfalone ridisegnato

Fonte: Luigi Ferrara

Disegnato da: Pasquale Fiumanò

Gonfalone Ufficiale
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori del gonfalone: bianco

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su