Étupes

Home » Comuni » Étupes

Comune di Étupes (25)

Informazioni

Storia dello stemma e del comune

Étupes è un comune del dipartimento del Doubs, nella regione Bourgogne-Franche Comté.

Centro di antica origine, strategico per la posizione lungo la Via Agrippa, che univa Epomanduodurum (Mandeure) a Strasburgo, documentata come Estupes nel 1294, poi Estoupe nel 1448, Estuppen nel XVI secolo, quindi Estupe, la grafica attuale si attesta dopo il XVIII secolo.

Antico possedimento della contea di Montbéliard, che nel 1495 venne eretta in Principato indipendente sotto l’autorità dei duchi di Württemberg, quindi unito alla Francia solo nel 1793.

Lo stemma comunale è stato adottato nel 1981 su proposta grafica di Michel Wittig e si blasona:“De gueules à deux bars d’argent adossés au chef de même chargé de trois monts à six coupeaux de gueules aussi” (in italiano: “di rosso, a due barbi addossati d’argento, al capo dello stesso caricato di tre monti a sei pezzi1 pure di rosso”).

I barbi2 sono un riferimento all’appartenenza all’antico territorio del Montbéliard, del quale i barbi d’oro in campo rosso erano l’emblema, mentre i tre monti simboleggiano quelli effettivamente esistenti e dominanti la città: l’Haut-du-Mont, les Coteaux e les Bresses (detti altrimenti La Montagne, Le Cimetière e il Grand Faubourg).

È gemellata con la città italiana di Castiglione Olona (Varese).

Curiosità: popolarmente gli abitanti sono detti “Erbatons”, dal patois “Lai Herbatons”: che indica gli agnelli nati in autunno, che hanno passato cioè l’inverno nell’ovile, e scoprono con sbalordimento il mondo in primavera.

1: alias “colli”.
2: in antico franco-germanico il barbio (o barbo) era detto “Els”, che ha un legame fonetico con Elsgau, parte dell’antico Ducato d’Alsazia, che aveva Montbéliard come centro principale.

Nota di Massimo Ghirardi

Bibliografia:

Grandidier  (Philippe André). HISTOIRE ecclésiastique, militaire, civile et littéraire del la Province d’Alsace, dediée au Roi, Strasbourg, 1787, p.317.
Profilo Araldico
“Di rosso, a due barbi addossati d’argento, al capo dello stesso caricato di tre monti a sei pezzi pure di rosso”
Stemma ridisegnato

Disegnato da: Massimo Ghirardi

Stemma Ufficiale
no stemma
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database
Colori dello scudo: argento, rosso
Partizioni: capo
Oggetti dello stemma barbo, monte
Attributi araldici: addossato, caricato

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

Torna su