Cuccaro Vetere

Home » Comuni » Cuccaro Vetere

Comune di Cuccaro Vetere (SA)

Informazioni

  • Codice Catastale: D195
  • Codice Istat:
  • CAP: 84050
  • Numero abitanti: 584
  • Nome abitanti: cuccaresi
  • Altitudine: 629
  • Superficie: 629
  • Prefisso telefonico: 0
  • Distanza capoluogo: 0.0
  • Distanza capoluogo: 0.0

Storia dello stemma e del comune

Il toponimo “cuccaro” deriva dal greco e significa cima, cocuzzolo, mentre “Vetere” deriva dal latino e significa antico. Il nome richiama alla memoria l’immagine del luogoche dall’alto domina l’ampia valle sottostante. La felice posizione fece del luogo una fortezza – rifugio e uno dei principali punti di riferimento per la difesa della greca Elea. Tratto dal sito Cuccaro turismo dalla delibera di giunta comunale 17 giugno 2015 VISTO l’art. 6, comma 2°, del Testo Unico delle Leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali, approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, ai sensi del quale: “Lo statuto, nell’ambito dei principi fissati dal presente testo unico, stabilisce … , lo stemma e il gonfalone e quanto ulteriormente previsto dal presente testo unico.”; VISTO il Regio Decreto del 7 giugno 1943, n. 652, che detta disposizioni in materia di emblemi araldici (stemmi, gonfaloni e bandiere) attribuendo la competenza relativa, in termini di istruttoria del procedimento di concessione, all’Ufficio Onorificenze e Araldica, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri; VISTA la Legge del 12.01.1991 n. 13 e il DPCM del 28.01.2011 i quali regolano ad oggi l’araldica civica; RILEVATO che il Comune di Cuccaro Vetere , poiché sprovvisto del provvedimento di concessione dello stemma e del gonfalone comunale, ha inoltrato apposita istanza, con nota del Sindaco del 07.02.2013 al predetto Ufficio Onorificenze e Araldica; VISTA la nota prot. n. UOA/0024118 del 05.12.2013 con la quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha comunicato che presso l’ archivio di Stato di Napoli esiste un documento settecentesco (anno 1795) rinvenuto nella documentazione del fondo “Voci di vettovaglie” , dove compare un timbro inchiostrato con l’ antico stemma del Comune di Cuccaro Vetere ; – la nota precisa che “Lo stemma proveniente dall’Istituto archivistico napoletano, nella sua corretta semplicità, è stemma di ottima costruzione e sortisce un buonissimo impatto visivo. Osservando l’impronta inchiostrata dell’antico sigillo , si individuano tre rilievi tondeggianti “fondati in punta”, cioè appoggiati sulla base dello scudo , sopra di essi è visibile la “fede” (due mani che si stringono ) figura di molto pregio del patrimonio araldico” ”; – l’Ufficio del cerimoniale di Stato e per le onorificenze ha lasciato alla scelta del Comune una pluralità di opzioni per quanto concerne gli “smalti”, cioè i “metalli” ed i “colori”, da accreditare ad ogni singola parte dello stemma RICHIAMATA la deliberazione conciliare n° 2/2014 ad oggetto “ Stemma e Gonfalone del Comune di Cuccaro Vetere. Provvedimenti.”, esecutiva ai sensi di legge , con la quale si approvava il bozzetto dello stemma e del gonfalone allegato “A” approntato dall’Ufficio del cerimoniale di Stato e per le onorificenze della Presidenza del Consiglio dei Ministri e si conferiva mandato al Sindaco, ai sensi dell’art. 1 del R.D. n. 652/1943 per l’inoltro dell’istanza al Sig. Presidente della Repubblica ed al Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri tesa all’ottenimento del decreto di concessione dello stemma e del gonfalone VISTO il decreto del Presidente della Repubblica Italiana datato 19/03/2014 di concessione del gonfalone di questo Comune, la cui miniatura, contestualmente alla miniatura dello stemma Comunale sono allegate al Decreto stesso, da rappresentare su tutti i documenti ufficiali dell’Ente; ACQUISITO il parere di regolarità tecnica, ai sensi dell’art. 49 del D. Lgs. n. 267/2000, rilasciato dal segretario comunale; Propone ( A DELIBERATO) La premessa è parte integrante del presente atto e si ha qui per trascritta ed approvata -DI PRENDERE ATTO del decreto del Presidente della Repubblica Italiana datato 19/03/2014 di concessione del gonfalone di questo Comune, la cui miniatura, contestualmente alla miniatura dello stemma Comunale, sono allegate al Decreto stesso, da rappresentare su tutti i documenti ufficiali dell’Ente. °°°°°°°°°°°°° LA GIUNTA COMUNALE VISTA la sopra estesa proposta di deliberazione relativa all’oggetto; VISTI gli allegati pareri favorevoli espressi dal responsabile del servizio competente ai sensi dell’art. 49 comma 1 del D. Lgs. 267/2000; RITENUTA la proposta meritevole di approvazione per le motivazioni in essa indicate, che si recepiscono nel presente provvedimento; RICHIAMATO l’art. 48 del D.Lgs. 267/2000; RICHIAMATO altresì l’art. 109 del D. Lgs. 267/2000; Con voti unanimi favorevoli legalmente espressi DELIBERA -DI APPROVARE integralmente la sopra estesa proposta di deliberazione, che viene inserita nel presente atto come parte integrante e sostanziale del medesimo; -DI DICHIARARE, con separata unanime votazione favorevole, stante l’urgenza, il presente provvedimento immediatamente eseguibile ai sensi dell’art. 134 comma 4° del D. Lgs. 267/2000. A VOTI UNANIMI espressi nelle forme di legge; DELIBERA Di dichiarare, con successiva separata votazione, la presente immediatamente eseguibile ai sensi dell’art.134 del D.Ls 18 agosto 2000, n.267.
Profilo Araldico
di azzurro, a tre montagne d’oro, le montagne laterali uscenti dai fianchi e fondate in punta, la montagna centrale più alta e con i declivi parzialmente celati dalle montagne laterali, la montagna posta a sinistra con i declivi intieramente visibili, la montagna posta a destra con il declivio in banda parzialmente celato dalla montagna posta a sinistra; il tutto accompagnato in capo dalla fede di carnagione, vestita di rosso
Stemma ridisegnato
no stemma
Stemma Ufficiale
Altre Immagini


Colori dello scudo: azzurro
Profilo Araldico
“Drappo di bianco…”
Gonfalone ridisegnato

Reperito da: Anna Bertola

Gonfalone Ufficiale
no gonfalone
Altre Immagini
Nessun'altra immagine presente nel database

Legenda: Stemma, Gonfalone, Bandiera, Città, Sigillo, Altro,

  • Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 19/03/2014

Torna su